Interviste


Pino Arlacchi al Premio Losardo: "Sono contro l'idea che la 'ndrangheta sia onnipotente"

E-mail Stampa PDF

www.youtube.com, Canale Rete 3 Digiesse, Cetraro, 4 giu. 2012

Pino Arlacchi al Premio Losardo: «L'enorme maggioranza dei calabresi è contro la 'ndrangheta (...) e il successo di questo premio ne é una prova. La 'ndrangheta non controlla tutto in Calabria. I calabresi onesti e le istituzioni democratiche sono più forti della 'ndrangheta. Losardo non è morto invano (...) Le forze che si battono contro la criminalità e il malaffare devono essere più consapevoli della loro capacità. Sono contro i messaggi disfattisti e contro l'idea che la 'ndrangheta è onnipotente (...)»

 

Attentato Brindisi, Arlacchi: "Non credo alla matrice mafiosa"

E-mail Stampa PDF

Attentato Brindisi, Pino Arlacchi a Sky Tg 24: "È estremamente improbabile che si tratti di un attentato mafioso"

19 mag. 2012

"Credo sia estremamente improbabile che si tratti di un attentato mafioso per le modalità d’esecuzione, per l’uso di strumenti molto rozzi, per la zona in cui si è verificato e anche per un fondamentale difetto di motivazioni. Si tratta molto probabilmente di un attentato da ascrivere alla malavita locale o alla delinquenza organizzata locale, per cui non credo che passerà molto tempo prima che vengano individuati i responsabili[...]Questo attentato è un atto di crudeltà e di ferocia balorda di gente risentita, e che comunque non ha in mente chissà quali grandi piani o intenzioni intimidatorie. Andrei molto cauto  con la retorica della strategia della tensione[...]"

 

 

Italiani rapiti: l'analisi di Pino Arlacchi per "Italia in controluce" di Radio24

E-mail Stampa PDF

La vicenda degli italiani rapiti in Somalia come in altri Paesi del mondo.  Il commento di Pino Arlacchi a Radio 24 nell'approfondimento  di Laura Bettini.

24 apr.2012

 

La Calabria che funziona a "RegionEuropa"

E-mail Stampa PDF

Il settimanale europeo della Tgr "RegionEuropa", a cura del vice direttore dei tg regionali della Rai Dario Carella, ha dedicato un servizio al Convegno organizzato a Bruxelles da Pino Arlacchi.

Rai3, 8 apr.2012

 

Siria, la diplomazia debole

E-mail Stampa PDF

Pino Arlacchi sull'impotenza dell'Onu nella Primavera araba.

Lettera 43, 19 mar. 2011

di Barbara Ciolli

Per la Siria i grandi del mondo non hanno deciso una no fly zone come per la Libia, né raggiunto un accordo per un corridoio umanitario in soccorso ai civili. E, senza la volontà degli Usa, non sarà possibile neanche smuovere la Nato a una “guerra umanitaria”, come nel 1999 avvenne per il Kosovo.
A un anno dalle proteste di Daraa che, il 15 marzo 2011, incendiarono il Paese, le Nazioni Unite sono state capaci di denunciare morti e violenze (almeno 8 mila le vittime e 30 mila profughi in fuga), ma non di alleviare le sofferenze dei civili.
LA SIRIA NON È LA LIBIA. Eppure, a un mese dalle rivolte a Bengasi, a marzo 2011 i caccia inglesi e francesi sfrecciavano già sopra i cieli libici, legittimati dal Consiglio di sicurezza dell'Onu. L'intervento sarebbe poi passato in carico alla Nato, fino alla cattura e alla morte, nell'autunno, del raìs Muammar Gheddafi.
A Damasco, invece, il presidente Bashar al Assad è sempre in sella. Proclami retorici a parte, le sabbie mobili dell'Onu, di cui la Siria è Stato membro, non solo hanno bloccato una nuova, discutibile azione militare. Ma hanno fatto anche sfociare le mediazioni in un nulla di fatto.
All'irrisolutezza di Palazzo di Vetro, si è aggiunta una diplomazia europea debole e priva e personalità, che, seguendo la scia degli Usa, si è solo limitata a prendere tempo. Tante parole, pochi fatti a rendere l'operato di Palazzo di Vetro spesso inutile e costoso.
L'IMPOTENZA DELL'ONU. «La paralisi è favorita dalla struttura stessa dell'organizzazione», ha spiegato a Lettera43.it l'europarlamentare del Pd Pino Arlacchi, ex vice segretario generale dell'Onu e membro della Commissione esteri dell'Unione europea. «Non bisogna infatti dimenticare che l'Onu è composta da singoli Stati, ognuno dei quali con i suoi interessi ed equilibri da difendere».

Leggi tutto...
 

Nigeria, l'opinione di Pino Arlacchi a Sky Tg 24

E-mail Stampa PDF

L'analisi di Pino Arlacchi, responsabile  sicurezza internazionale per il Pd, 11 mar.2012

 

Iran, l'opinione di Pino Arlacchi a Tg Punto Europa

E-mail Stampa PDF

Pino Arlacchi […] Il partito della guerra contro l’Iran deve essere assolutamente contrastato e sconfitto dall’approccio europeo […].
Il 23 gennaio scorso, i ministri degli esteri dell’Ue hanno concordato una serie di sanzioni contro l’Iran per convincere Teheran a desistere dal proprio programma nucleare. Il Gruppo S&D sostiene questa posizione sottolineando, però, la necessità di accompagnare queste misure con un’azione diplomatica dell’Ue per scongiurare qualsiasi azione militare.

L'opinione di Pino Arlacchi a TG Punto Europa, 7  feb. 2012

 

Afghanistan, Arlacchi: “I profitti dei talebani non derivano principalmente dalla produzione dei narcotici”

E-mail Stampa PDF

RSI Reteuno, Radio Televisione Svizzera

3 gen. 2012

Pino Arlacchi: “La notizia di un aumento dei sequestri di droghe pesanti e leggere in Afghanistan non mi colpisce particolarmente”.

(...) La droga più importante è l’eroina che deriva dall’oppio coltivato in quel Paese: non risultano aumenti in quel campo (...)

(...) C’è un aumento dei sequestri delle droghe leggere, soprattutto della marijuana, ma da un punto di vista del mercato, dal punto di vista del denaro in più che affluisce ai talebani, non è molto significativo (...)

(...) I profitti dei talebani e delle insurgency non derivano principalmente dal traffico e dalla produzione dei narcotici, contrariamente a quello che tutti pensano (...). La maggiore fonte sono invece le estorsioni effettuate dai talebani e dagli altri sulla logistica militare, soprattutto quella della NATO(...).

 

Tg Norba 24, Pino Arlacchi a“Senti chi parla”

E-mail Stampa PDF

25 dic. 2011

L'eurodeputato è stato ospite del programma di approfondimento giornalistico condotto da Paola Moscardino su Tgnorba24.

[...] Perché la mafia è sopravvissuta alle stragi di Capaci e di via D’Amelio?
[...] Non abbiamo saputo darle il colpo finale per diverse ragioni [...].
[...] Un po’ perché è la mafia che ha fatto una contromossa intelligente, ha finto di scomparire come organizzazione violenta, ha ridotto drammaticamente i tassi di violenza e quindi l’attenzione e l'allarme sociale verso di essa [...]
[...]Ha cambiato strategia, si è collegata di più con la corruzione politica, fa più business, spara molto di meno, e Cosa Nostra ha anticipato quello che è stato un trend, un cambiamento di tutta la criminalità mondiale che ha fatto più o meno la stessa cosa qualche anno dopo Cosa Nostra [...].
 

 

Quale futuro per il popolo Saharawi, oppresso in Marocco?

E-mail Stampa PDF

L'intervista di Patrizia Alberici a Pino Arlacchi.

"Voci dal mondo", settimanale di attualità internazionale del Giornale Radio Rai, 17 dicembre 2011

Ascolta l'intervista:

 


Pagina 8 di 16
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 705 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info