Arlacchi propone nuova missione per Karabakh, Baku favorevole

E-mail Stampa PDF

"E' ora che Ue entri in campo nella soluzione del conflitto"

Baku, 7 ott. 2013 (TMNews) - Il presidente azero Ilham Aliyev ha accolto con "grande favore" l'idea del parlamentare europeo Pino Arlacchi per una missione di peacekeeping nella regione del Nagorno Karabakh, contesa tra Azerbaigian e Armenia. Lo ha detto a TMNews lo stesso eurodeputato, a capo degli osservatori del Parlamento Europeo alle presidenziali azere di mercoledì 9 ottobre. Arlacchi ha proposto di coinvolgere nella missione le Nazioni Unite e la Russia. "Il presidente Aliyev ha risposto molto favorevolmente all'idea. La metterò in pratica, partendo con un'iniziativa ad alto livello a gennaio a Bruxelles, che coinvolgerà i ministri degli Esteri dei paesi interessati, il Parlamento Europeo e anche la Russia".

Il Nagorno Karabakh è un'enclave in territorio azero, popolata in grande maggioranza da armeni. Questa regione - che ha proclamato nel 1991 la propria indipendenza, senza mai ottenere alcun riconoscimento a livello internazionale - è da decenni al centro di un conflitto tra Armenia e Azerbagian. Baku vorrebbe infatti recuperare la propria sovranità e ora pare favorevole a una nuova fase negoziale. Arlacchi è noto per il suo impegno per una soluzione pacifica per la regione. "E' venuto il momento che l'Ue entri in campo come attore nella soluzione del conflitto" ha spiegato il deputato.

L'origine del conflitto ancora aperto oggi è da ritrovare nel fatto che sino al 1923 il Nagorno Karabakh faceva parte dell'Armenia, poi Stalin lo unì all'Azerbaigian, con statuto di regione autonoma. Il 10 dicembre 1991 un referendum sfociò in un plebiscito per l'indipendenza. Da febbraio 1988 già si combatteva tra azeri e armeni del Nagorno Karabakh, sostenuti da Erevan, con oltre 30.000 morti e centinaia di migliaia di rifugiati. Nel 1994 è stata concordata una tregua, ma i tentativi di arrivare ad una soluzione definitiva - coordinati dal cosiddetto Gruppo di Minsk dell'Osce - non sono mai approdati a un esito concreto.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 174 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info