Arlacchi in tour nella Jonica aziona le leve dello sviluppo

E-mail Stampa PDF

SALINE
L’eurodeputato con Gullì, Romeo e De Gaetano

Il Quotidiano della Calabria, 20 nov. 2013

INSIEME all’eurodeputato Pino Arlacchi per discutere dello sviluppo dell'area grecanica, delle sue attività, delle sue potenzialità e della programmazione comunitaria 2014-2020, che serva da rilancio del territorio. Questo il significato della due giorni del sociologo e politico nella terra della bassa Calabria. Arlacchi, calabrese originario di Gioia Tauro,
già presidente dell'associazione mondiale per lo studio della criminalità organizzata, è stato tra gli artefici della strategia antimafia italiana negli anni ‘90, nonché autore del progetto Dia. Durante i suoi incontri ha parlato del progetto “Magna Grecia” da lui già elaborato e redatto, è già alle valutazioni degli organi europei preposti e che mira a rilanciare l'intero territorio puntando ad un'importante azione di recupero, ripristino, e valorizzazione dei piccoli centri rurali e lo ha fat-
to parlando ai tanti amministratori ed ex amministratori dell'area che ha voluto incontrare.

Due giorni intensi quelli trascorsi dall'europarlamentare Arlacchi, in un'area geografica certamente nobile della provincia ma devastata dalle scelte scellerate dei governi passati e fino ad oggi alla mercede di una classe politica avventuriera ed improvvisata,
distante dal servizio e dalla passione verso la collettività – vedi Liquilchimica, vedi Ogr di Saline. Accompagnato da Giu-
seppe Gullì, già sindaco di Montebello e membro della costituente del Partito Democratico, il parlamentare europeo ha
visitato Melito Porto Salvo, San Lorenzo, Bagaladi, Roghudi e Montebello, con la promessa di tornare per alimentare un dibattito sul tema della democrazia e della legalità, considerato che dei 5 comuni visitati, tre risultano sciolti dal Ministero degli Interni per infiltrazione mafiosa.
Durante l'incontro a Saline, promosso da Giuseppe Gullì e al quale hanno preso parte anche il segretario provinciale Seby Romeo ed il consigliere regionale Nino De Gaetano, oltre al sindaco di Motta San Giovanni Paolo Laganà, unitamente ad altri rappresentanti delle istituzioni, è scaturito forte il bisogno di stanare la politica in direzione della chiarezza sulle problematiche del territorio. «L'area grecanica ha bisogno di sviluppo, di lavoro, di nuove prospettive di crescita abbinate agli atavici ed annosi problemi di sanità, trasporti, agricoltura, rifiuti, viabilità, ma ha bisogno soprattutto di chiarezza, chiarezza che deve essere indicata senza incertezze e senza la benché minima ombra di ambiguità o titubanza - è stato detto durante l’incontro - Il futuro dell'Area Grecanica passa dalla voglia e dall'impegno di fare che le diverse energie presenti nel territorio vogliono mettere in campo attraverso principi di legalità e partecipazione per aprire una nuova fase»

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 544 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info