Vivisezione: la cronaca del voto, la promessa di un impegno

E-mail Stampa PDF

Roma, 10 set. 2010

di Pino Arlacchi

Ho ricevuto alcuni messaggi di protesta sul mio voto in Parlamento Europeo a proposito della mozione che regola la vivisezione. E dico subito che ho un po’sottovalutato il tema, affidandomi alla valutazione del mio gruppo (ALDE, i democratici e liberali europei), senza approfondire l’ argomento con una indagine personale. Ma prima di comunicare ai miei lettori ed elettori quale sarebbe stata la mia posizione se fossi stato messo all’erta sull’imminenza di una votazione così “sensitive” e, ancora più importante, quale sarà il mio orientamento futuro sullo stesso tema, dato che la materia è appena all’ inizio di un percorso, permettetemi di raccontarvi come sono andate le cose in aula mercoledì scorso.

Quando si è arrivati alla questione vivisezione, un paio di parlamentari hanno chiesto la parola per chiedere, a norma di regolamento, non una votazione pro o contro la vivisezione, ma il semplice rimando del testo alla Commissione che lo aveva licenziato per il parere finale.
È fondamentale chiarire questo punto, perché se si fosse trattato di esprimere un parere secco, avrei sicuramente votato contro la vivisezione, perché la ritengo una pratica inaccettabile, crudele, e non più indispensabile per l’avanzamento della medicina.
Davanti a me avevo la lista di voto del mio gruppo, che indicava un voto favorevole al provvedimento. Sono contrario ai colpi di mano in seduta plenaria, perché sono una tecnica che sfrutta gli aspetti più deteriori del sistema parlamentare, ed è adottata in prevalenza dai demagoghi e dai furbetti che tentano di rovesciare l’esito prevedibile di un provvedimento approfittando di circostanze fortuite quali la distrazione o la disinformazione dei deputati, le assenze momentanee dall’ aula, la confusione che si crea in particolari momenti e che induce alcuni parlamentari perfino a sbagliare pulsante (non meravigliatevi, ho verificato di persona che ciò è successo anche a colleghi di primo piano in votazioni-chiave).
L’ intervento del presidente della Commissione competente, De Castro, inoltre, ha ridotto la mia incertezza: si era discusso del tema per oltre un anno in commissione, e il testo finale era stato approvato anche dal gruppo dei Verdi, che adesso ne prendevano inspiegabilmente le distanze. Non sarebbe stato serio da parte del Parlamento disconoscere d’un colpo il lavoro condotto dai suoi membri.
Il testo è stato infine approvato, ma la possibilità di ritornare sul tema con una posizione più netta, di abolizione delle pratiche più degradanti e dolorose di sperimentazione scientifica sugli animali, è aperta, anzi apertissima. E il sottoscritto sarà in questo caso in prima fila nella battaglia per i diritti delle specie animali.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 837 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info