Vivisezione: la cronaca del voto, la promessa di un impegno

E-mail Print PDF

Roma, 10 set. 2010

di Pino Arlacchi

Ho ricevuto alcuni messaggi di protesta sul mio voto in Parlamento Europeo a proposito della mozione che regola la vivisezione. E dico subito che ho un po’sottovalutato il tema, affidandomi alla valutazione del mio gruppo (ALDE, i democratici e liberali europei), senza approfondire l’ argomento con una indagine personale. Ma prima di comunicare ai miei lettori ed elettori quale sarebbe stata la mia posizione se fossi stato messo all’erta sull’imminenza di una votazione così “sensitive” e, ancora più importante, quale sarà il mio orientamento futuro sullo stesso tema, dato che la materia è appena all’ inizio di un percorso, permettetemi di raccontarvi come sono andate le cose in aula mercoledì scorso.

Quando si è arrivati alla questione vivisezione, un paio di parlamentari hanno chiesto la parola per chiedere, a norma di regolamento, non una votazione pro o contro la vivisezione, ma il semplice rimando del testo alla Commissione che lo aveva licenziato per il parere finale.
È fondamentale chiarire questo punto, perché se si fosse trattato di esprimere un parere secco, avrei sicuramente votato contro la vivisezione, perché la ritengo una pratica inaccettabile, crudele, e non più indispensabile per l’avanzamento della medicina.
Davanti a me avevo la lista di voto del mio gruppo, che indicava un voto favorevole al provvedimento. Sono contrario ai colpi di mano in seduta plenaria, perché sono una tecnica che sfrutta gli aspetti più deteriori del sistema parlamentare, ed è adottata in prevalenza dai demagoghi e dai furbetti che tentano di rovesciare l’esito prevedibile di un provvedimento approfittando di circostanze fortuite quali la distrazione o la disinformazione dei deputati, le assenze momentanee dall’ aula, la confusione che si crea in particolari momenti e che induce alcuni parlamentari perfino a sbagliare pulsante (non meravigliatevi, ho verificato di persona che ciò è successo anche a colleghi di primo piano in votazioni-chiave).
L’ intervento del presidente della Commissione competente, De Castro, inoltre, ha ridotto la mia incertezza: si era discusso del tema per oltre un anno in commissione, e il testo finale era stato approvato anche dal gruppo dei Verdi, che adesso ne prendevano inspiegabilmente le distanze. Non sarebbe stato serio da parte del Parlamento disconoscere d’un colpo il lavoro condotto dai suoi membri.
Il testo è stato infine approvato, ma la possibilità di ritornare sul tema con una posizione più netta, di abolizione delle pratiche più degradanti e dolorose di sperimentazione scientifica sugli animali, è aperta, anzi apertissima. E il sottoscritto sarà in questo caso in prima fila nella battaglia per i diritti delle specie animali.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 250 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info