Articles


Terrorismo: qualche cifra scomoda

E-mail Print PDF

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di matrice fondamentalista islamica

di Pino Arlacchi

Panorama.it, 21 gen. 2015

Mi occupo di terrorismo da un po’ di tempo, ed ho anche diretto gli sforzi dell’Onu per combatterlo. Ma non riesco ad abituarmi ai paradossi di cui è pieno l’argomento. Il comportamento dei media è uno di questi. Quando si trovano di fronte a un episodio aberrante di mafia o di ordinaria violenza essi fanno di solito ricorso a cifre, dati ed opinioni che aiutano a spiegare i fatti e a ridurre lo stress suscitato dalla notizia.

Bene. La stessa dinamica non scatta di fronte a un evento di terrorismo. In questo caso le armi della ragione vengono deposte ed i mezzi di comunicazione si trasformano in una fabbrica della paura. Solo gli esperti in linea col pensiero unico delle redazioni ricevono la parola. Si finisce così con l’esaltare il gesto di terrore dandogli proprio il significato che i suoi autori cercavano di fargli assumere.

Nelle reazioni dell’opinione pubblica europea alla strage di Parigi non ho visto il più piccolo tentativo di riflettere un momento sulle reali proporzioni di ciò che era accaduto. Giornali e televisioni, specie in Italia, si sono abbandonati al teatrino dei talk show, o alla retorica dei nuovi undici settembre e delle terze e le quarte guerre mondiali.

Read more...
 

Legalità: Arlacchi a Campobasso

E-mail Print PDF

Termoli online.it, 18 gen. 2015

Campobasso -  Anche la terza lezione della Scuola della Legalità “Don Peppe Diana” è stata un successo. Aula magna gremita, non solo da studenti, e silenzio rispettoso e attento. Ospite d’onore, per parlare delle metamorfosi della criminalità organizzata, il prof. Pino Arlacchi, diretto collaboratore di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, nonché ex Segretario Generale aggiunto delle Nazioni Unite (ONU).

Durante la lezione, è stata data lettura di una lettera di Giovanni Falcone del 21 febbraio 1992 ad un giovanissimo Vincenzo Musacchio, oggi fondatore e direttore della scuola della legalità. La lettera si concludeva con un invito ai giovani ad avere fiducia nella giustizia. Da li si è partiti proprio con il prof. Musacchio che ha spronato i giovani ad informarsi per avere una coscienza ed un bagaglio culturale in grado di comprendere i fenomeni mafiosi che negli anni si sono trasformati e adattati alle evoluzioni della società. Si è passati – ha affermato sempre Musacchio – da una mafia “di campagna” (coppola e lupara) ad una mafia imprenditrice, fino ad oggi in cui conviviamo con una mafia politica.

Read more...
 

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

E-mail Print PDF

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra.

di Pino Arlacchi, 13 gen. 2015

Studio il terrorismo da lungo tempo. Ma non sono riuscito ad abituarmi ai paradossi che dominano questo tema. Forse perché diventano sempre più insopportabili e moralmente oltraggiosi. Cosa c’è di più disonesto, oggi, che attribuire a un miliardo e più di musulmani e all’Islam la responsabilità di 12 occidentali uccisi da un pugno di delinquenti odiati prima di tutto da milioni di pacifici credenti?
Quando non è un avvoltoio della politica che lucra sull’odio per lo straniero, chi si scaglia contro gli islamici in nome dei giornalisti massacrati a Parigi soffre di un colossale deficit informativo. Sono i musulmani, infatti, ad essere le principali vittime del terrorismo islamico. Ci sono vari database sul terrorismo. Tutti concordano nel mostrare che il 90-95% delle sue vittime è composto da islamici.

Read more...
 

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

E-mail Print PDF

Roma, 8 gen 2015

di Pino Arlacchi

In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e contro l'Occidente. C'è la destra anti-europeista che lucra sul timore dell'immigrato musulmano. E c'è anche qualche testa confusa che prende alla lettera le farneticazioni dei killer e dichiara guerra all'Islam facendo il loro gioco, rendendosi veicolo involontario e sconsiderato del terrore.
I due più grandi sbagli che si possono fare nel reagire alla barbarie di ieri a Parigi sono il reciprocare l'odio e il fanatismo di minoranze estremiste condannate in partenza al fallimento politico, e fare ulteriormente il loro gioco ingigantendo paura e senso di impotenza sotto l'egida dello scontro di civiltà.

Read more...
 

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

E-mail Print PDF

Roma, 5 gen. 2015

La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di buon senso che sta in campo, e vale anche per gli altri paesi indebitati.

Il catastrofismo sulla probabile vittoria di Syriza alle prossime elezioni greche è sbagliato e controproducente. Le idee di questo partito sulla fine della crisi greca sono giuste e sensate, e valgono anche per i paesi europei più indebitati. Solo la scarsa conoscenza della materia può giustificare chi dipinge Tsipras, il leader di Syriza, come un estremista e un antieuropeista.

Read more...
 

Buon 2015: l'appello di Papa Francesco al ripudio della guerra

E-mail Print PDF

Roma, 1 gen. 2014

di Pino Arlacchi

Buon Anno, innanzitutto, a tutti gli amici, collaboratori ed estimatori che seguono il mio sito e la mia pagina Facebook. Molti di loro sono compagni di battaglia, che ringrazio dal profondo del mio cuore per la fiducia e la forza che mi danno.
Il 2015 è iniziato sotto il migliore degli auspici possibili. Ho appena finito di ascoltare il discorso del più grande leader del mondo attuale, l’ unico capace di interpretare davvero la coscienza universale: Papa Francesco.
E quale poteva essere il tema che Francesco avrebbe messo al centro del suo messaggio di inizio anno se non la pace, il ripudio della guerra e della violenza, sotto lo slogan eloquentissimo de “la pace è sempre possibile”?

Read more...
 

Buon 2015: l'appello di Papa Francesco al ripudio della guerra

E-mail Print PDF

Roma, 1 gen. 2015

di Pino Arlacchi

IL 2015 INIZIA BENE CON L’ APPELLO DI PAPA FRANCESCO AL RIPUDIO DELLA GUERRA

Buon Anno, innanzitutto, a tutti gli amici, collaboratori ed estimatori che seguono il mio sito e la mia pagina Facebook. Molti di loro sono compagni di battaglia, che ringrazio dal profondo del mio cuore per la fiducia e la forza che mi danno.
Il 2015 è iniziato sotto il migliore degli auspici possibili. Ho appena finito di ascoltare il discorso del più grande leader del mondo attuale, l’ unico capace di interpretare davvero la coscienza universale: Papa Francesco.
E quale poteva essere il tema che Francesco avrebbe messo al centro del suo messaggio di inizio anno se non la pace, il ripudio della guerra e della violenza, sotto lo slogan eloquentissimo de “la pace è sempre possibile”?
Lo slogan è eloquente perché pieno di implicazioni. Se la pace è sempre possibile, dice Francesco, vuol dire che la guerra è sempre sbagliata. C’è sempre un’alternativa alla violenza totale, cieca e distruttiva della guerra. E’ una affermazione tremendamente impegnativa, che occorre essere pronti a motivare. Le critiche sul “pacifismo imbelle che ci ha portato ad inchinarci di fronte al male invece di contrastarlo con i metodi adeguati” sono dietro l’ angolo.

Read more...
 

Arlacchi: "Se fossi greco voterei Tsipras"

E-mail Print PDF

Roma, 30 dic. 2014

di Pino Arlacchi

Se fossi greco voterei Tsipras, ed auspico che la proposta di questo partito sulle istituzioni europee si diffonda anche in Italia. Chi mi ha seguito durante la campagna x le europee sa che il suo fulcro è stato la critica di questa UE governata da tecnocrati freddi e privi di visione, troppo vicini ai poteri più forti in campo sia interno che internazionale, e troppo lontani dai bisogni e dalle aspirazioni dei cittadini.

Read more...
 

Ali Agca in piazza San Pietro, il commento di Pino Arlacchi

E-mail Print PDF

Roma, 27 dic. 2014

di Pino Arlacchi

Ali Agca in piazza San Pietro mi fa tornare in mente l'esperienza che ho fatto come consulente informale di Severino Santiapichi, Presidente del processo sull'attentato al Papa.
Fu un processo assolutamente fuori del comune. Esso fini'col dimostrare, passo passo, udienza dopo udienza, come la tesi principale dell'accusa, e della immensa grancassa mediatico-politica che la sosteneva, fosse sbagliata e fuorviante.
La celebre "pista bulgara" e l'URSS come mandante del più clamoroso atto terroristico pre-11 settembre, si sgretolo' e fu sostituita, durante il processo, da quella 'islamica'. Gli autori si rivelarono essere stati i membri del movimento dei Lupi grigi turchi con il loro folle progetto di creare una grande Turchia islamizzata e antagonista dell'Occidente cristiano.

Read more...
 

Solo una nuova strategia politica può sconfiggere i talebani

E-mail Print PDF

Roma, 18 dic. 2014

di Pino Arlacchi

L’ orizzonte di quasi tutti i resoconti e i commenti occidentali sull’ ultima strage talebana non supera quello dell’ ufficio stampa della Casa Bianca o della retorica ufficiale dei governi: una nuvola di parole usurate e di circostanza. Emozioni tanto intense quanto brevi: indignazione, condanna. Poi si volta pagina e si passa ad altro.
Quasi nessuno cerca di capire davvero, di approfondire il cosiddetto “contesto” dei fatti più ampi, delle storie più lunghe entro cui collocare l’ evento abnorme che si ha di fronte.
L’ atrocità talebana resta così senza risposta. Un’ eruzione di male allo stato puro, incomprensibile, e perciò senza motivazioni su cui valga la pena di attardarsi.
Quest’ ultima brutalità ha invece una spiegazione razionale. E’ un atto pianificato ed eseguito con cura, come d’altra parte ogni episodio del grande male. Le follie criminali – ci insegnano le riflessioni più avanzate in materia di genocidi, massacri e mega-delinquenza – sono al servizio di progetti politici di dominio e di sopraffazione. Che possono apparire come deliri ( e in ultima analisi lo sono)ma liquidarli come semplici esplosioni di irrazionalità, odio e distruttività può essere molto pericoloso.

Read more...
 


Page 3 of 21
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 331 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info