Home » In the Press »
Articles


Un pentino conferma la bufala della trattativa

E-mail Print PDF

l'Unità, 10 novembre 2013

L'analisi di Pino Arlacchi

Un nuovo pentito ha dichiarato che nel 1992 Cosa Nostra aveva deciso di uccidere anche Claudio Martelli e Giulio Andreotti. Si tratta di una non notizia perché il fatto è noto non solo agli esperti, ma anche al largo pubblico. Ma c'è chi l'ha riciclata senza battere ciglio e sotto il titolo di "trattativa Stato-mafia".
È lo stesso pentito, invece, a dire che la trattativa non è mai esistita perché c'è stato qualcosa di molto più grave: la collusione costante e profonda tra un pezzo delle istituzioni e la mafia siciliana.
Gli anni della cosiddetta "trattativa" sono stati in realtà quelli dello scontro epocale, al calor bianco, tra la rete di protezione politica che aveva garantito impunità secolare a Cosa Nostra da un lato, e nuove forze della società civile e delle istituzioni della sicurezza emerse lungo gli anni 80, dall'altro.
La battaglia decisiva si è svolta nel biennio '92-'93, ma dentro di essa c'era anche una crudele resa dei conti tra Cosa Nostra e i suoi massimi protettori nella politica, nell'economia e nello Stato.

Read more...
 

Il recinto delle vacche sacre demolito dopo gare deserte

E-mail Print PDF

Cotronei - Operazioni alla presenza dei carabinieri

Il plauso di Arlacchi è andato alle forze dell'ordine ed all’amministrazione comunale di Cotronei: «il sindaco Belcastro, in soli due anni, ha dimostrato con i fatti come sia possibile lavorare in maniera efficiente per tutelare i diritti dei cittadini».

Il Quotidiano della Calabria, 1 nov. 2013

di Filomena Guzzo

COTRONEI – Un recinto abusivo che racchiude quasi 500 metri quadrati, quello in cui pascolavano le cosiddette
“vacche sacre” che nei terreni circostanti hanno provocato, negli anni, continui danneggiamenti, è stato abbattuto in località Rivioti. La storica demolizione, disposta dal sindaco di Cotronei, Nicola Belcastro, con una ordinanza del gennaio 2012, è stata attuata solo ieri mattina. Scortati dai carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro comandati dal ca-
pitano Claudio Martino ed alla presenza dei militari della Stazione di Cotronei, dei vigili urbani e degli agenti del
Corpo forestale dello Stato, sono stati gli operai di una  ditta individuata tra quelle individuate dalla Prefettura
ad attuare la demolizione. La gara per affidare i lavori di abbattimento era andata deserta per due volte, ma poi grazie all'intervento della Prefettura di Crotone, in sede di coordinamento del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, la demolizione si è concretizzata e con essa il ripristino della legalità.

Read more...
 

Fondi europei, modalità di intercettazione ed esperienze di buone pratiche

E-mail Print PDF

A Bruxelles, il 13 ottobre, si è svolto il dibattito con sindaci e amministratori della Campania, organizzato da Pino Arlacchi e dal Gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo.

«Vorremmo fare molto di più per le nostre comunità, ma da soli non ce la facciamo. Abbiamo bisogno di essere aiutati, guidati, ma soprattutto supportati per costruire il futuro del nostro territorio. Non è possibile vedere idee e progetti bloccati per colpa della burocrazia».
È l'appello lanciato da un gruppo di sindaci e amministratori campani invitati a Bruxelles dall'eurodeputato Pino Arlacchi.

Read more...
 

Progetto Magna Graecia Interrogazione del Pd sul futuro della società

E-mail Print PDF

Il Quotidiano della Calabria, 12 ottobre 2013

REGGIO CALABRIA - I consiglieri regionali Sandro Principe, Antonio Scalzo e Demetrio Naccari Carlizzi hanno presentato un’interrogazione “per conoscere le intenzioni della Giunta in merito al “Progetto Magna Graecia”, la società partecipata Regione-Comuni costituita nel 2010 su iniziativa dell’europarlamentare Pd Pino Arlacchi e dell’attuale esecutivo regionale per la valorizzazione delle aree archeologiche site nel territorio regionale”.

Read more...
 

Regolare o truccato?; Voto azero, lite fra osservatori europei

E-mail Print PDF

«L'Azerbaigian è in via di democratizzazione, continua ad avere gravi problemi dal punto di vista dei diritti umani ma va incoraggiato con il dialogo» dice al Corriere l'eurodeputato pd Pino Arlacchi, capo della delegazione del Parlamento Ue che, con il Consiglio d'Europa, ha promosso un'elezione considerata nel complesso un passo avanti.

Corriere della Sera, 11 ott. 2013

di Maria Serena Natale

Pareri discordanti tra delegazioni europee, risultati «simulati» il giorno prima del voto, un ricorso annunciato alla Corte costituzionale e Ilham Aliyev presidente per il terzo mandato consecutivo con l'85% delle preferenze. Voci dall'Azerbaigian, l'ex repubblica sovietica diventata un punto di snodo fondamentale nelle rotte energetiche, politiche e militari tra Europa e Asia. Le elezioni di mercoledì lasciano il Paese nella salda presa di Ilham, figlio e successore designato dell'ex presidente Heydar che dopo aver raggiunto i vertici del Kgb e della nomenklatura dell'Urss guidò lo Stato indipendente dal 1993 al 2003. Sovietici restano, secondo l'opposizione, numeri del consenso e metodi repressivi.

Read more...
 

«Togliere i fondi Ue alle Regioni»

E-mail Print PDF

Proposta shock dell’europarlamentare del Partito Democratico Pino Arlacchi

Il Quotidiano della Calabria, 21 set. 2013

di Bruno Gemelli

CATANZARO – Nella “traversata” di Fabrizio Barca, nel suo viaggio alla ricerca di buone pratiche che salgono dal basso e mettono a fattor comune delle istituzioni le intuizioni dei territori per fare modelli di sviluppo, l’economista mette una precondizione. La rivoluzione della pubblica amministrazione come passaggio obbligato per rimodernare il sistema-Paese. Nella realtà calabrese l’ex ministro fa leva su attenzione/rivalutazione delle aree interne che costituiscono l’80 % del territorio calabrese. Prevalentemente
montano e collinare e, quindi, soggetto, al suo progressivo spopolamento. Occorre anche ricordare che la Calabria ha un patrimonio forestale di oltre 550.000 ettari di bosco, eppure è una regione che non ha una industria del legno, una filiera complessiva legata al ciclo del legno.Questo per noi potrebbe essere un grande setto- re di crescita. La Calabria è una terra, inoltre, che ha la presenza di diversi biotipi forestali autoctoni, come il pino laricio cosentino, il pino loricato del Parco del Pollino e molte altre specie in Sila, nelle Serre, sull’Aspromonte. Tornando a Barca, egli oggi chiama il Pd a fare attenzione sul tema delle aree interne. Un tema che trova orecchie sensibili nel partito. Per esempio nell’europarlamentare Pino Arlacchi il quale questa sera concluderà a Gerocarne, nelle serre vibonesi, un convegno che ha per tema “Fondi europei e risorse locali, leve della rinascita del Mezzogiorno”; organizzato dai circoli locali e dall’onorevole Brunello Censore.

Read more...
 

Calabria, Magna Graecia, la lettera al Direttore del Quotidiano della Calabria

E-mail Print PDF

18 set, 2013 - Pubblico per i visitatori di questo sito, la lettera indirizzata al Direttore del Quotidiano della Calabria del Signor Giovanni Palermo

Arlacchi e una risposta che non è mai arrivata

"DIRETTORE, a memoria di chi scrive, la Calabria non ha mai vissuto dei periodi floridi, sempre in emergenza, sempre polemiche feroci su disservizi, gestione clientelare, favoritismi e tutto il rosario che ben tutti conoscono; tuttavia si è sempre arrancato grazie a un sistema assistenziale che portava le famiglie ad avere sempre qualche prebenda su cui fare affidamento, oltre a una estrema tolleranza per il lavoro in nero che faceva storcere il naso a quegli analisti che dovevano registrare
redditi bassi che si contrapponevano a un tenore di vita nettamente superiore a quelle di regioni più opulente.
Ma da un decennio a questa parte, complice la crisi economica e il conseguente taglio dei finanziamenti, la Calabria sta andando alla deriva tanto da portare la giunta regionale ad annunciare il varo di un fondo per finanziare le famiglie in difficoltà.
Ora, nella speranza che questo non risulti un ennesimo annuncio a cui non far seguire fatti concreti, vorrei ritornare sul dibattito sorto all’indomani della mia lettera sulla società Magna Grecia; un progetto nato sotto buoni auspici e affidato a una persona di spessore che infatti non smentendosi ha inteso rispondere ammettendo il fallimento di quel progetto.
Confesso che, ingenuamente, avevo pensato che di fronte al j’accuse dell’onorevole Pino Arlacchi, che ritengo persona seria e perbene, la Calabria civile avrebbe mostrato un sussulto d’orgoglio facendo registrare prese di posizioni e stigmatizzazioni per una occasione perduta in un momento in cui anche un solo posto di lavoro sarebbe stato una boccata d’ossigeno; nulla, né da destra né da sinistra, tutti in silenzio e distratti; nessun politico, ma anche associazioni comitati sindacati, eccetera ha fatto registrare il benché
minimo cenno di esistenza, un aplomb degno del più aristocratico dei lord inglesi, un assordante silenzio che stride con la situazione di emergenza sociale che si vive".

Read more...
 

Magna Graecia: c'è un bronzo a Catanzaro

E-mail Print PDF

Progetto Magna Grecia: "Le omissione di Caligiuri"

Metto a disposizione dei lettori di questo sito la mia lettera (pubblicata dal Quotidiano della Calabria, 13 sett. 2013), all'Assessore alla Cultura della Regione Calabria.

La risposta dell'assessore Caligiuri alla mia lettera al Presidente della Regione in cui riassumo i motivi della imminente messa in liquidazione della società "Progetto Magna Graecia" - nata per valorizzare il patrimonio archeologico regionale e ora in agonia - conferma in pieno quanto sostengo a proposito delle responsabilità sue personali e del governo regionale.

Caligiuri , inoltre, omette due circostanze fondamentali.

La prima è che l'azionista di maggioranza di "Magna Graecia" è la Regione Calabria stessa. La quale in un primo momento mi coinvolge in un progetto ambizioso di buongoverno, capace di far decollare buona parte dell'economia della Calabria attraverso la messa a frutto del suo maggiore tesoro, e poi mi nega i mezzi per farlo partire.
Occorre perciò una bella faccia di bronzo per affermare di aver riposto grandi speranze nella mia persona e nel mio ruolo di deputato europeo, e di essere rimasti delusi nel momento in cui si sono accorti che la mia unica strategia era quella di far affidamento sulle risorse della Regione invece che su quelle dei privati e dell'Unione Europea.

Read more...
 

Magna Graecia: Pino Arlacchi annuncia le sue dimissioni

E-mail Print PDF

Arlacchi: "Caro Scopelliti tante aspettative finite in un totale disinteresse"

La lettera pubblicata dal Quotidiano della Calabria

Gentile Presidente,

ho tentato più volte di parlarLe nelle ultime settimane a proposito della situazione della società “Progetto Magna Graecia” di cui sono Presidente dalla fine del 2011, ma senza esito. Ho più volte interloquito con l’assessore Caligiuri e con il suo staff, ma Caligiuri mi ha regolarmente rimandatoa Lei, sostenendo di non avere alcuna autorità per trattare il tema e prendere le decisioni conseguenti.
Mi sono trovato così senza un interlocutore in grado di assumersi le dovute responsabilità a proposito di un progetto di valorizzazione della più importante risorsa della Calabria. Progetto che tante speranze aveva suscitato e si trova adesso avviato verso il quasi certo fallimento. Mi sono imbarcato in questa impresa nel 2009, appena eletto al Parlamento Europeo, quando era
ancora in carica la precedente amministrazione regionale. Ho cominciato promuovendo un’associazione di comuni intenzionati a riempire il vuoto di iniziativa del governo Loiero nel campo della valorizzazione dei beni archeologici calabresi, e che chiedeva alla Regione solo un sostegno esterno di finanziamento. Fu all’inizio una piacevole sorpresa constatare come il nuovo assessore alla cultura e Lei stesso dimostrassero tanto interesse per il nostro progetto da “rilanciare”su di esso fino a proporre di dare vita ad una vera e propria società mista regione-comuni in grado di mettere a frutto non solo quello magnogreco ma l’intero patrimonio culturale della Calabria.

Read more...
 

Roghi tossici, patto tra le istituzioni

E-mail Print PDF

Frattaminore, Aula Consiliare gremita per il convegno sui temi dell'ambiente e della salute con Pino Arlacchi e Don Patriciello.

Le Cronache di Napoli, 15 lug. 2013

Articolo di Ciro Giugliano

FRATTAMINORE - Grande partecipazione al dibattito pubblico con cittadini e associazioni su “Ambiente e Salute. Tra roghi tossici e discariche pericolose: quali i compiti dai Comuni all’Europa?”. L’incontro è stato moderato dall’assessore all’Ambiente Paolo Di Lauro e ha visto gli interventi di Antonio Marfella, oncologo dell’Istituto Pascale, padre Maurizio Patriciello, parroco della parrocchia di San Paolo al parco Verde di Caivano, il sindaco Vincenzo Caso e l’europarlamentare Pino Arlacchi.

Read more...
 


Page 7 of 21
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 265 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info