Pioggia di fondi per il transhipment

E-mail Stampa PDF

Al Parlamento europeo si è discusso del rilancio del porto di Gioia Tauro - Si punta alla creazione di una rete di servizi interportuali nell’area meridionale.

Il Quotidiano della Calabria, 27 apr. 2012

Bruxelles – Pienamente riuscita l’iniziativa messa in cantiere ieri nella sede del Parlamento europeo dall’europarlamentare Pino Arlacchi.
E non solo per la presenza di tutti i soggetti direttamente coinvolti nella programmazione del rilancio del porto, delle attività intermodali e di logistica. Oltre ad Arlacchi e alla vicepresidente della Giunta Regionale Antonella Stasi, al segretario generale dell’Autorità Portuale di Gioia Tauro Salvatore Silvestri, al presidente dell’Interporto di Bari Davide Degennaro, al presidente della provincia Giuseppe Raffa, ai sindaci di San Ferdinando Domenico Madafferi e di Gioia Tauro Renato Bellofiore, erano presenti anche l’Ad di Contship Italia Nereo Marcucci, l’Ad di Ico Blg Francesco De Bonis, l’Ad di MedCenter Domenico Bagalà, i funzionari di Rfi e della Comunità europea.

Un “parterre de roi” d’eccezione che dà l’idea del livello del confronto. I lavori sono stati aperti dell’on. Arlacchi che ha ringraziato gli intervenuti e ha ribadito l’importanza del tavolo.
La prima parte della mattinata è stata dedicata all’aggiornamento delle attività previste nell’Accordo di Programma Quadro. Il dirigente di Rfi Alessandro Andrei ha comunicato che il programma di ampliamento e riammodernamento della linea ferroviaria, procede senza particolari criticità e pertanto si ritiene che al termine previsto del 2015 tutti gli interventi saranno completati.
La commissione europea rappresentata da Francesco De Rose ha ribadito che in base all’ultima riunione di monitoraggio sono emerse alcune criticità su due lotti di lavori prestabiliti che il dirigente di Rfi Andrei attribuisce a lungaggini burocratiche risolvibili, anche se ciò comporterà uno slittamento nei tempi previsti che comunque non oltrepasseranno il 2015. Nel corso della riunione è stato affrontato il tema dello sviluppo del traffico nel porto ed è stata effettuata l’analisi delle ragioni che hanno influenzato i risultati negativi. E tra i motivi della crisi l’abbandono della Maersk.
“Abbandono generato – ha specificato Domenico Bagalà – dalla concorrenza sempre più agguerrita di Port Said, che beneficia di politiche fiscali agevolate rispetto a Gioia Tauro”. Sulla stessa lunghezza d’onda Nereo Marcucci, amministratore delegato Contship che ha richiesto un approfondimento sul tema degli aiuti di Stato, che in passato ha impedito ai vari Governi ad intervenire.
Francesco De Bonis, Ad di Ico Blg ha chiesto che le infrastrutture vengano completate anche con l’inserimento di servizi aggiuntivi strategici ad oggi mancanti.
La prima parte della giornata si è conclusa con la presentazione da parte di Davide Degennaro, Presidente dell’Interporto Regionale della Puglia e del Professore dell’Università di Padova Matteo Di Vences, dello studio di prefattibilità del collegamento logistico/commerciale tra il Porto di Gioia Tauro e l’Interporto di Bari, che punta a creare una rete dei servizi portuali nell’area meridionale.
I lavori proseguiti nel pomeriggio hanno visto gli interventi della vicepresidente della Giunta Regionale Antonella Stasi che ha ribadito l’attenzione della Regione per il Porto di Gioia Tauro, sottolineando l’interesse con il quale viene seguita la realizzazione delle opere previste nell’Apq e dello sviluppo dell’area portuale.
La Stasi ha annunciato che è stato previsto un intervento nel bilancio 2012 della Regione di un Fondo di 8 milioni di euro a sostegno del transhipment e che entro maggio saranno messi a bando 25 milioni di euro per le imprese a cui si aggiungeranno altri 25 milioni messi a disposizione dal Ministero dello sviluppo economico sotto forma di contratti di sviluppo.
La vicepresidente ha annunciato inoltre una forte azione di marketing per ricercare investitori e fare in modo che gli incentivi previsti intercettino imprese utili allo sviluppo del porto.
E’ stato affrontato il tema della sicurezza, messo in luce dal direttore Ufficio Antifrode Agenzia delle Dogane Italiane insieme al direttore dell’intelligence della stessa agenzia, Giovanni Bocchi e Roccantonio Burdo, i quali hanno sottolineato come il sistema di sicurezza e di controlli nell’area portuale rappresenti una realtà all’avanguardia e che i dati dimostrano che il porto non è considerato strategico per i traffici illeciti, grazie ad operazioni di sequestro e di monitoraggio della movimentazione, contrariamente a quanto riportato dai media nazionali.
E’ stata presentata, alla fine del lungo e articolato dibattito, la proposta di valutazione della sicurezza dal direttore Uunicri Jonathan Lucas che è stata fatta propria dalla Regione Calabria e dalla Provincia di Reggio che finanzieranno congiuntamente gli interventi previsti.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 266 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info