Home »
Rassegna Stampa


Cilento, Viabilità, Pino Arlacchi (PD): «Attivare piano di emergenza»

E-mail Stampa PDF

Salernonotizie.it, 3 apr. 2014

«È inaccettabile il ritardo con cui si sta affrontando la problematica della viabilità in alcune aree del Cilento, ed è per questo che mi unisco all’appello del Partito Democratico di Vallo della Lucania affinché tutti i soggetti politici, dal Governo alle istituzioni locali, condividano un piano di emergenza per il territorio e per gli abitanti cilentani». Lo dichiara in una nota l’eurodeputato Pd, Pino Arlacchi, in seguito a una visita in alcuni comuni della zona. «L’inestimabile patrimonio paesaggistico custodito nel Cilento e nel Vallo Di Diano – prosegue Arlacchi - meriterebbe piani straordinari di salvaguardia e valorizzazione, e invece sono mesi che la popolazione subisce disagi a causa delle strade chiuse e dei collegamenti interrotti da frane e smottamenti, con la conseguente grave ricaduta sul settore turistico ed economico». «Per la seconda estate consecutiva si rischia così di ferire la bellezza e le potenzialità economiche di una delle aree più suggestive d’Europa e di migliaia di operatori, di imprese e di famiglie, mortificate non soltanto dall’assenza dell’ordinaria manutenzione, ma anche di un serio piano di interventi contro il dissesto idrogeologico e per la messa in sicurezza delle infrastrutture», conclude l’eurodeputato.

 

Arlacchi, una lettera a Renzi lo voleva come capolista

E-mail Stampa PDF

Secondo nome del Pd dopo Emiliano

Il Quotidiano della Calabria, 2 apr. 2014

Gioia Tauro – Il 7 aprile la direzione nazionale del Pd deciderà le liste per le elezioni europee. Il capolista sarà l’attuale sindaco di Bari Michele Emiliano. Al secondo posto l’eurodeputato calabrese Pino Arlacchi ed a seguire altri nomi tra i quali Mario Pirillo e forse anche Massimo Canale. Nei giorni scorsi alcuni deputati tra cui Magorno, Censore e Capozzolo ma anche decine di consiglieri regionali calabresi, campani, pugliesi e lucani e circa un centinaio tra consiglieri provinciali e sindaci, avevano inviato a Renzi una lettera sostenendo la candidatura di Arlacchi capolista. Il rischio di uno scontro tutto interno è stato però superato tra gli stessi Arlacchi ed Emiliano. «Arlacchi - si legge nella missiva inviata a Renzi - si è dedicato a rappresentare bisogni e problemi dei nostri territori presso il Parlamento e la Commissione europea e risulta al primo posto nella classifica del rendimento parlamentare tra i deputati europei del Pd.

Leggi tutto...
 

Editoria:Arlacchi, impoverimento con chiusura 'Ora Calabria'.

E-mail Stampa PDF

(ANSA) - Catanzaro, 31 mar. 2014 - ''Esprimo la mia solidarietà ai giornalisti dell'Ora della Calabria e mi unisco all'appello del comitato di redazione del quotidiano affinché le migliori forze imprenditoriali calabresi si uniscano per sostenere e rilanciare il futuro del giornale''. Lo dichiara, in una nota, l'europarlamentare del Partito Democratico Pino Arlacchi. ''In questi anni - aggiunge Arlacchi - l'Ora della Calabria ha contribuito, insieme a tutte le realtà giornalistiche calabresi, ad arricchire l'identità culturale della regione. La sua chiusura, oltre a rappresentare un'altra sconfitta in termini occupazionali, si tradurrebbe in un impoverimento civile ed economico per il nostro territorio''.

   

Arlacchi: su crisi Ucraina governo Renzi si sta muovendo bene; L'eurodeputo Pd:dissociarsi da linea Ue avventurista e estremista

E-mail Stampa PDF

TMNews - L'eurodeputato Pd:  dissociarsi da linea Ue avventurista e estremista

di Cristina Giuliano
Mosca, 25 mar. 2014  (TMNews) - "Il governo italiano si sta muovendo bene sulla crisi ucraina: come quello tedesco si sta sempre più dissociando dalla linea avventurista estremista del resto dell'Unione Europea". Lo afferma in un'intervista a TMNews Pino Arlacchi, eurodeputato del Pd, voce autorevole a livello mondiale in tema di sicurezza umana, studio della criminalità organizzata, già presidente onorario della Fondazione Falcone. Arlacchi, a Mosca per una breve visita, dedicata a un'importante riunione con le autorità antidroga russe, esprime preoccupazione ma anche ottimismo su prospettive di risoluzione della crisi in Ucraina. E la speranza che "questa presa di distanza (del governo italiano) si trasformi in un vero e proprio dissenso e nella voce prevalente dell'Ue, che sta facendo qualcosa di fondamentalmente contrario, non solo ai propri interessi, ma anche alla sua asserita vocazione pacifica.

Leggi tutto...
 

Porti, La Zes sì, ma senza aiuti di Stato

E-mail Stampa PDF

Il commissario europeo per i Trasporti risponde ad Arlacchi sulla proposta

Il Quotidiano della Calabria, 23 mar. 2014

di Michele Albanese

GIOIA TAURO - Il commissario Europeo per i trasporti, l’estone Siim Kallas ha risposto all’interrogazione che qualche mese fa l’eurodeputato calabrese Pino Arlacchi insieme ad altri undici colleghi di vari gruppi politici aveva inviato al presidente della Ue Barroso con l’obiettivo di fare luce sulla posizione dell’Europa circa l’istituzione delle Zes nei paesi comunitari.
«La Commissione – chiese Arlacchi - sta esaminando l'esperienza acquisita con l'uso delle Zes, e
intende promuovere le Zes come strumento, fornendo consulenza agli Stati membri su come istituirle sui loro territori? Quali misure concrete intende la Commissione adottare al fine di porre fine alla marginalizzazione relativa al trasbordo?».
La risposta ad Arlacchi è arrivata due giorni fa a firma di Kallas e chiarisce che per la Ue: «Gli Stati membri sono liberi di istituire e modificare zone economiche speciali. In funzione dell'obiettivo che intendono conseguire nelle Zes, gli Stati membri – scrive Kallas ad Arlacchi - devono conformarsi, però, alle condizioni previste dai differenti strumenti in materia di aiuti di Stato (orientamenti sugli aiuti di Stato a finalità regionale, disciplina in materia di aiuti di
Stato a favore di ricerca, sviluppo e innovazione, disciplina degli aiuti di Stato per la tutela dell'ambiente, ecc.). Gli Stati membri che intendono istituire Zes per promuovere lo sviluppo regionale devono accertarsi – questo l’aspetto che preoccupa - che tali zone siano all'interno
delle regioni assistite della carta degli aiuti regionali e che eventuali incentivi fiscali o altre
agevolazioni concessi all'interno della Zes siano conformi alle disposizioni in materia di aiuti di
Stato a finalità regionale del regolamento generale di esenzione per categoria o degli orientamenti sugli aiuti di Stato a finalità regionale».

Leggi tutto...
 

Pino Arlacchi: Una voce di dissenso contro la russofobia nel Parlamento Europeo

E-mail Stampa PDF

La voce della Russia

Servizio di Luca Di Trani, 20 mar. 2014

Abituato al silenzio o all’incoraggiamento da parte delle istituzioni europee nei confronti delle azioni dei “bravi ragazzi” di Kiev, ero ormai convinto di non trovare voci istituzionali di dissenso verso la politica ucraina, dettata dalle “buone intenzioni” americane.

Mi sono però dovuto ricredere conoscendo Pino Arlacchi, europarlamentare del Partito Democratico ed ex Vicesegretario delle Nazioni Unite.

- Come giudica la presa di posizione dell’UE nelle vicende ucraine?

- Credo che l’Unione Europea abbia commesso un grande errore, sta operando contro i suoi stessi interessi, per conto degli americani. E’ un gioco pericoloso che consiste nel creare un antagonismo con la Russia, di cui non ha bisogno nessuno ed in primo luogo l’Unione Europea stessa. Spero che questo sbandamento dell’UE venga riassorbito con la nuova Commissione e con il nuovo Parlamento.

Leggi tutto...
 

Ucraina, Arlacchi: " l'UE riprenda la strada del dialogo e della cooperazione con la Russia"

E-mail Stampa PDF

Rainews, 19 mar. 2014

 Pino Arlacchi: "[...] Non c’è alcuna incompatibilità di interessi strategici né di altra natura tra noi e la Russia dopo la caduta del comunismo. La strada che l'Unione Europea dovrebbe intraprendere è quella della ripresa del dialogo e della cooperazione con la Russia. [...]"

 

Situazione Ucraina, Pino Arlacchi a Rainews

E-mail Stampa PDF

Rainews, 19 mar. 2014

Pino Arlacchi: "[...] Ho criticato aspramente la decisione europea e del Consiglio di stanziare 11 miliardi euro solo per un paio di anni a favore dell´Ucraina. Le casse dell´Unione non dispongono neppure di una minima parte dei 2 miliardi di regalo contenuti nel pacchetto. Non esiste inoltre alcuna seria garanzia di restituzione da parte di un Paese corrotto e sull'orlo della bancarotta. Non è stato chiesto infatti al governo ucraino alcun impegno preliminare sulla madre di tutte le riforme, e cioè la lotta contro la corruzione, e non si sono esplorate in anticipo le possibilità alternative di aiuto finanziario, quali la confisca dei fondi imboscati nelle banche europee dagli oligarchi ucraini. La notizia di questa sconsiderata esposizione finanziaria verso l´Ucraina suona come un insulto verso i paesi membri dell´Unione che si trovano in difficoltà economiche. Ricordiamo la Grecia, in particolare, che è stata quasi massacrata dalla inflessibilità della Troika circa le garanzie di restituzione di prestiti di importo anche più contenuto di quelli promessi all'Ucraina[...]" .

 

Il nodo Crimea: Pino Arlacchi a Radio24

E-mail Stampa PDF

24 Mattino, intervista di Simone Spetia, 18 marzo 2014

Spetia: Come legge questa situazione dall’osservatorio del Parlamento europeo? Ritiene che l’Unione europea sia stata un po’ debole nell’imporre le sanzioni alla Russia?

Arlacchi: "No, non la vedo come una debolezza, la vedo come una posizione di ragionevolezza suggerita da Paesi come la Germania e l’Italia, che in questo caso si muovono abbastanza in sintonia nel non drammatizzare né esasperare questa crisi, nel capire anche le ragioni della Russia che non è il nostro nemico. Non c’è alcuna incompatibilità di interessi strategici né di altra natura tra noi e la Russia dopo la caduta del comunismo. Non è un nemico e quindi crearci gratuitamente un nemico senza che ce ne siano ragioni fondamentali non mi sembra una cosa molto sensata. Credo che per l’Unione europea questa posizione stia gradualmente prendendo corpo e spero che si rafforzi sempre di più".

Leggi tutto...
 


Pagina 6 di 60
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 165 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info