Buon 2015: l'appello di Papa Francesco al ripudio della guerra

E-mail Stampa PDF

Roma, 1 gen. 2014

di Pino Arlacchi

Buon Anno, innanzitutto, a tutti gli amici, collaboratori ed estimatori che seguono il mio sito e la mia pagina Facebook. Molti di loro sono compagni di battaglia, che ringrazio dal profondo del mio cuore per la fiducia e la forza che mi danno.
Il 2015 è iniziato sotto il migliore degli auspici possibili. Ho appena finito di ascoltare il discorso del più grande leader del mondo attuale, l’ unico capace di interpretare davvero la coscienza universale: Papa Francesco.
E quale poteva essere il tema che Francesco avrebbe messo al centro del suo messaggio di inizio anno se non la pace, il ripudio della guerra e della violenza, sotto lo slogan eloquentissimo de “la pace è sempre possibile”?

Lo slogan è eloquente perché pieno di implicazioni. Se la pace è sempre possibile, dice Francesco, vuol dire che la guerra è sempre sbagliata. C’è sempre un’alternativa alla violenza totale, cieca e distruttiva della guerra. E’ una affermazione tremendamente impegnativa, che occorre essere pronti a motivare. Le critiche sul “pacifismo imbelle che ci ha portato ad inchinarci di fronte al male invece di contrastarlo con i metodi adeguati” sono dietro l’ angolo.
Quando ascoltate questo argomento, cari amici, è sufficiente che ricordiate che questo dibattito è stato già tenuto, precisamente nel 1945, ed è terminato con una netta conclusione, che rappresenta una delle pietre miliari del progresso etico dell’ umanità. In occasione della nascita dell’ ONU ci fu una grande discussione sulla guerra, e in particolare sulla cosiddetta “guerra giusta”. Un conflitto simile a quello che era di fatto appena terminato. Bene. I delegati riuniti a San Francisco decisero infine per l’ opzione più radicale. La guerra era in sé un male assoluto, che contraddiceva anche la più alta delle motivazioni. Andava proibita legalmente perché sbagliata moralmente e perchè sempre evitabile data la presenza di alternative. Fu così che fu inserita nella Carta delle Nazioni Unite la condanna definitiva della guerra, definita la “maledizione dell’ umanità”.
Cosa fare, allora, quando si deve combattere contro un potere di violenza assoluta, che non può essere rimosso con metodi non violenti? In questi casi, dice la Carta dell’ ONU e Francesco l’ ha più volte ribadito, si può e si deve usare la forza. Ma l’ uso della forza è alternativo allo scontro barbarico e totale, perché deve essere sempre proporzionato alla minaccia e deve rispettare quelle regole di umanità e di giustizia che assicurano la coerenza tra mezzi e fini.
Gli stati, per esempio, non possono combattere il terrorismo usandogli gli stessi metodi dei terroristi. Non possono torturare, uccidere innocenti ed applicare sentenze sommarie di morte. Il terrorismo di stato è la violazione dei propri principi, la perdita della superiorità morale sui terroristi e finisce col rafforzare il terrorismo stesso.
Ma avremo modo di tornare presto su questi temi. Per adesso, è importante ricordare che le forze della pace, di cui facciamo parte, sono una superpotenza ancora sommersa che dobbiamo, assieme a Francesco, far emergere ancora di più nel 2015.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 116 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info