«Caro Vendola, non serve legalizzare la marijuana»

E-mail Stampa PDF

Arlacchi: le mafie oggi si arricchiscono ben poco col business della droga

La Gazzetta del Mezzogiorno, 13 gen. 2014

di Benedetto Sorino

Professor Pino Arlacchi, chiediamo a lei, ex direttore dell'ufficio Onu per la lotta contro il traffico di droga, cosa pensa della proposta di Nichi Vendola di legalizzare la marijuana. Servirebbe ad ostacolare le mafie che si arricchiscono anche attraverso questo business criminale?
Dico a Vendola che la sua non è una proposta originale, anzi è fra le più ricorrenti, ogni tanto torna alla ribalta. Oggi
non ha senso, il quadro è sicuramente cambiato.
Perché si dice scettico? La legislazione italiana in questo campo non ha forse bisogno d’essere rinnovata?
Di certo nel nostro Paese occorre un aggiornamento legislativo, penso alla legge Fini-Giovanardi, ovviamente. Qualche
cambiamento è necessario, ma va detto chiaramente che l’impianto complessivo della normativa europea sulle droghe regge e ha prodotto finora buoni risultati.
Il suo parere sembra del tutto controcorrente.
In Italia bisogna smetterla con i catastrofismi, con le assurde esagerazioni. Vogliamo distruggere i due pilastri
dell’approccio europeo che hanno dato colpi decisivi alla lotta contro il narcotraffico?

Quali sono questi pilastri?
Il primo, importantissimo, è fondato sulla non criminalizzazione penale dei consumatori. Così il consumo puro e semplice non viene sanzionato in quasi nessun Paese dell’Unione. Il secondo è la costante repressione del traffico. Entrambe le cose hanno funzionato. Si può affermare la fine dell’emergenza. Negli Stati Uniti, al contrario,contrario,
dove la criminalizzazione del consumo è ancora imperante, il problema è più grave.
In alcuni Stati Usa, tuttavia, s’affermano politiche ben più liberalizzatrici.
È tipico degli americani passare da un eccesso all’a ltro, con effetti complessivamente deleteri. Roba da Terzo Mondo.
Alla base del ragionamento di Vendola, il quale comunque non è un antiproibizionista, c’è l’idea che legalizzare
la marijuana possa togliere potere di condizionamento ai narcotrafficanti. Gli antiproibizionisti invece affermano che pure l’alcol e il tabacco provocano dipendenza e quindi proibire le droghe leggere aiuta soltanto il proliferare delle mafie.

La tesi antiproibizionista è vecchia di quarant’anni, non tiene affatto conto di quanto è mutato il mercato della droga
sotto la spinta della globalizzazione. I proventi della criminalità organizzata giungono oggi in ben più larga misura dalle estorsioni e dagli appalti delle pubbliche amministrazioni. Larga parte del traffico passa ora attraverso catene di piccoli spacciatori, che agiscono per proprio conto. Rifornirsi di hashish in Marocco o di eroina in Turchia o Afghanistan è ora molto più facile.
I radicali accusano invece lei di sponsorizzare una strategia obsoleta.
Rappresentano essi ormai una contrapposizione retorica. Sono come quei soldati giapponesi che per anni hanno continuato a nascondersi e combattere non sapendo che la guerra era finita da un pezzo.
Lei dice che la criminalità sta perdendo colpi.
Verissimo. Per fare un solo esempio in Italia è crollato il numero degli omicidi, 500-600 l’anno, mentre erano molti
di più soltanto qualche decennio fa. Gli affari legati alla droga sono diminuiti anche a causa della caduta verticale
dei prezzi, tra il 70 e l’80 per cento per l’eroina e la cocaina.
Altri dati lo confermerebbero?
Una ricerca fatta dall’Università Cattolica è l’unica valida e fondata. Altre equivalgono al metodo Stamina per
la loro scientificità, cioè zero. Il fatturato dei mercati illegali vale da un un minimo di 4,5 a un massimo di undici
miliardi di euro. E i profitti della mafia legati alla droga,nonostante le balle raccontate da tipi come Saviano, valgono
appena tra 256 e 491 milioni. Vorrei poi aggiungerealtri particolari.
Quali?
Le nuove catene di distribuzione «fai da te» sono molto più vulnerabili alle attività delle forze dell’ordine. È molto
facile arrestare gli spacciatori a Palermo o a Bari perché ora hanno pochi strumenti di difesa. Finiscono per affollare
le carceri ben più di ladri ed assassini, com’è ben noto. Ma ci sono comunque metodi ben più efficaci per decongestionare le carceri che quello di legalizzare le droghe leggere.
Lei è stato l’artefice di un piano per l’estirpazione delle coltivazioni di oppio in Afghanistan che non ha avuto successo.
Ebbi il sostegno del ministro degli Esteri russo, Ivanov. Il Cremlino era pronto a finanziare la sostituzione di quelle coltivazioni, ma la comunità internazionale al dunque non ci ha mai dato retta finora. Al Parlamento europeo ho preparato un piano per rilanciare questa strategia.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 549 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info