Arlacchi compie un viaggio interdisciplinare lungo la storia dell' umanità

E-mail Stampa PDF

L' Inganno e la paura recensito da Michele Cucuzza sul suo blog

30 marzo 2009

Il nuovo saggio del sociologo calabrese è uno stimolante viaggio interdisciplinare lungo la storia dell’umanità, un percorso dove antropologia, biologia, psicologia si incontrano con la statistica, la politologia e la cronaca millenaria dell’avventura umana.

E’ un libro a tesi e questo è l’elemento centrale.

“Da una parte abbiamo uno scenario globale grandemente migliorato dopo la scomparsa delle guerre e la diminuzione della violenza interna in molti paesi. Questo scenario è all’origine di una domanda di pace e distensione che ha determinato una riduzione delle spese militari, un aumento dell’avversione alla guerra e l’affermazione di strategie non aggressive della sicurezza, in regioni come l’Europa, l’Asia orientale, l’America del sud. Dall’altra parte, ci sono gli interessi del partito della paura che fanno capo all’industria mediatica globale e al complesso militare - industriale che controlla il governo degli Stati Uniti (il riferimento è a Bush Jr, da poco uscito di scena, ndr) e ne tiene viva la pretesa di governo mondiale. Sono queste le fonti della visione catastrofica della sicurezza umana che impedisce alla società mondiale di compiere il salto di qualità verso l’abolizione formale della guerra e verso la governance democratica universale”.

Le recenti svolte nella politica estera americana (lo storico messaggio via web all’Iran, il nuovo approccio sull’Afghanistan e Pakistan ecc.), operate da Obama in soli tre mesi, sembrano collimare in pieno con le teorie di Arlacchi. Vedremo.
Il libro contiene pagine profonde e commoventi sulla natura dell’uomo, la sua ambivalenza e irrisolutezza nelle scelte sociali (così efficacemente sintetizzate dall’”Odi et amo” di Catullo), il suo disvelarsi come figlio degli scimpanzé xenofobi e violenti ma anche in quanto erede dei bonobo, altre scimmie africane, completamente diverse, che sembrano predicare il motto “facciamo l’amore e non la guerra”, il suo sempiterno rifiuto dello scontro armato (chi l’avrebbe detto!) che, dai tempi antichi fino ad oggi, procura ai soldati in battaglia paure paralizzanti, squilibri psichici, vera e propria follia. Ma non agli psicopatici.

La conclusione di Arlacchi ci riporta ai nostri giorni: l’attuale crisi economico - finanziaria spingerà Obama a tagliare le spese militari degli Usa e questo, presumibilmente, comporterà la graduale uscita di scena dell’impero americano (sostituito possibilmente da inediti partnerariati di Washington con Europa, Cina, Russia ecc.) e la fine conseguente del grande inganno.

www.michelecucuzza.com

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 627 visitatori e 1 utente online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info