Due libri al mese…seguendo le regioni!

E-mail Stampa PDF

www.wakeupnews.eu

Recensione di Marina Cabiati, 22 giu.2011

Proponiamo ai nostri lettori la recensione del libro Gli uomini del disonore a cura del sito Wake Up News.

Per il quarto appuntamento della nostra rubrica “Due libri al mese…seguendo le regioni”, non solo sono state scelte ancora una volta due regioni molto distanti tra di loro – non soltanto geograficamente – come Piemonte e Calabria, ma anche due libri completamente diversi per stile e genere.

Partiamo dal primo, l’opera narrativa di questo mese: La solitudine dei numeri primi, uno dei più grandi successi editoriali degli ultimi anni e vincitore del Premio Strega 2008  [...]

La seconda proposta è quella di Pino Arlacchi e del suo Gli uomini del disonore, uscito una prima volta nel 1992 e ripubblicato nel 2010 con una postfazione dell’autore calabrese.

Ai tempi della prima edizione – siamo in pieno periodo stragista per quel che riguarda la mafia siciliana – il libro ottenne grande riscontro mostrando per la prima volta la mafia dal suo interno, ritratta peraltro non da uno qualsiasi, ma da Antonino Calderone, mafioso di spicco degli affari intorno alla città di Catania e poi pentito eccellente. Dal colloquio tra un criminale e uno dei massimi esperti mondiali del fenomeno mafia e delle strutture atte a contrastarla – avvenuto in un rifugio segreto messo a disposizione dalla polizia – nasce questo racconto non censurato su cosa significhi davvero essere mafiosi.

È un consapevole pugno nello stomaco quello di Pino Arlacchi, che presenta attraverso le parole del pentito lo spaccato di una realtà impietosa e meno “leggendaria” di quanto si tenda a immaginare. Oltre alle gerarchie di clan, alle lotte continue per il potere, alle promesse di lealtà mancate, ai tradimenti per opportunità, c’è anche la vita di meschinità che porta a vivere i latitanti come topi, braccati e in continua fuga. Arrestato e poi collaboratore di giustizia, Calderone restituisce con le sue parole di ex-malavitoso un quadro composito come quello della copertina, che mescola vita quotidiana, affetti e famiglia dell’uomo di (dis)onore alla costante paura che spesso conduce a uccidere per primi per non essere ammazzati.

Artefice della legislazione antimafia degli anni Ottanta e partecipe al progetto della Dia, Arlacchi ripercorre con questo excursus anche la storia della mafia, dai veri pochi eroi italiani – Falcone, Borsellino, La Torre, Dalla Chiesa e le altre vittime di mafia – fino alle confessioni di Buscetta.

L’immagine che ne emerge sta nel suo complesso a ricordare che la mafia non è ancora sconfitta, ma che la speranza esiste se affidata a persone che a questo hanno dedicato la propria vita. Persone appunto come Falcone e Borsellino, come La Torre e Dalla Chiesa. E anche persone come Pino Arlacchi, che continuano a farlo.

Ora non resta che vedere se il caldo sole (si spera!) di luglio porterà abbinamenti ancora più insoliti. Alla prossima!

 

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 Mag 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 Mag 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 Mag 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 Mag 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 Mag 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 Mag 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 Mag 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 Mag 2020

Newsletter


Chi è Online

 541 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info