Home » Rassegna Stampa » Articoli »

I luoghi comuni sui migranti

E-mail Stampa PDF

 La Repubblica, 31 agosto 2017

Lettera al Direttore

CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal professor Marzio Barbagli a proposito di immigrazione e criminalità. La sinistra nostrana ha tanti difetti, ma su questo tema si muove bene, in sintonia con le posizioni della Chiesa, del governo e della maggioranza degli italiani. Non mi risulta che il Pd e i suoi dintorni stiano ignorando o coprendo una realtà scomoda da accettare, come quella di una forte incidenza degli immigrati nella perpetrazione di reati violenti.

Non siamo in presenza di una ondata di criminalità determinata dall'aumento dell'immigrazione, come blaterato da Salvini e soci. Sta accadendo, come Barbagli d'altra parte sa, esattamente il contrario. Dall'inizio degli Anni '90 ad oggi la criminalità più violenta è discesa costantemente, e non solo in Italia, Paese nel quale gli omicidi si sono ridotti di oltre il 70% e continuano a ridursi. E ciononostante una ondata di immigrazione dall'estero senza precedenti.

Ci sono poi i minitrend e le controtendenze. So bene che gli immigrati commettono, come sottolinea Barbagli, una quota sproporzionata di reati violenti e predatori. Ma è un errore enfatizzare questo dato e costruirvi sopra le paure e gli odi collegati. Barbagli attribuisce la criminalità degli stranieri allo status migratorio e non all'età in primo luogo, e alla maggiore visibilità e vulnerabilità dei delinquenti di origine straniera rispetto agli autoctoni. Gli immigrati compiono più omicidi perché si trovano nella fascia di età — sotto i 30 anni — entro la quale la stragrande maggioranza dei reati violenti si compiono. E sono sovrarappresentati nelle statistiche sugli arresti e sui detenuti perché poveri, giovani e privi di connessioni col territorio.

Un potenziale distruttivo da non sottovalutare, certo, presente in Italia come altrove in Europa. Ma il megatrend depressivo della violenza che domina il tutto finisce col mitigare di molto il pericolo che questi giovani stranieri si trasformino in delinquenti professionisti, casseur, terroristi e simili. L'Italia, poi, si avvantaggia — rispetto al resto dell'Europa — dell'assenza di ghettizzazione territoriale, dell'influenza del solidarismo laico e cattolico e delle tradizioni antirazziste e anticoloniali di una sinistra che, su questo tema, deve semmai mostrarsi più risoluta.

L'autore è professore di Sociologia all'Università di Sassari, è stato parlamentare e vicesegretario generale delle Nazioni Unite

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 296 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info