Home ¬Ľ Rassegna Stampa ¬Ľ Articoli ¬Ľ

Il paradosso della Calabria infelix

E-mail Stampa PDF

Il Quotidiano della Calabria, 21 dic. 2013

di Pino Arlacchi

Caro Direttore,
chi volesse toccare con mano il paradosso della povertà in mezzo alla ricchezza non dovrebbe fare altro che trascorrere qualche tempo nella estrema punta italica, dalle parti di Melito Porto Salvo, undicimila abitanti, il comune più a Sud della Calabria. Comune povero, reddito pro-capite metà del valore nazionale, sciolto per mafia, ma circondato da ricchezze di possibile grande rilievo.
La ricchezza del territorio intorno a Melito è potenziale, è vero, ma non è virtuale, intangibile. Basta volare un po’ alto, non vedere i dettagli, non soffermarsi troppo a pensare, per essere quasi sopraffatti dalla sua concretezza. Parliamo di un microclima straordinario, dolcissimo, generato dalla protezione che l’ Aspromonte assicura dai venti dello Stretto di Messina, che consente la produzione del prezioso bergamotto. C’è poi un paesaggio spettacolare, con la grande montagna dietro le spalle e la Sicilia e l’ Etna proprio di fronte. Cui bisogna aggiungere uno Jonio “colore del vino”, limpidissimo, evocativo, tenuto sempre giovane dalle correnti. Un mare dei Greci che basta osservare un po’ per “sentirne” la centralità nella storia dell’Occidente. Accompagnato da una archeologia strepitosa e da un catalogo di beni culturali di prima grandezza.

Questo microcosmo si estende lungo una striscia costiera estesa per 50 chilometri da un lato e dall’altro di Melito, e include un hinterland montagnoso che arriva a 2mila metri di altezza, e che si raggiunge in pochi minuti di auto.
Ma basta scendere di quota e guardarsi intorno e valutare i dettagli, cioè la dura evidenza delle cose come sono, per rimanere sconcertati. I segni dell’abbandono, dell’incuria e dello sfregio sono onnipresenti. Dal dissesto idrogeologico a quello dei servizi pubblici essenziali, quasi tutto decade in questo lembo di Calabria che fu felice e ora va in rovina. Lo sfregio è consistito nel piazzare qui, a Saline Joniche, nel centro di un ecosistema tra i più pregiati d’Europa, uno stabilimento petrolchimico mai entrato in funzione. Oggi è un ammasso di ferraglia che ricorda uno dei più folli progetti dell’Italia del boom. Ma invece di ergersi a monito perenne contro la dissennatezza, questo rottame continua a istigare la demenza. Perché c’è ancora chi vorrebbe mettergli accanto una bella centrale a carbone.
Ho trascorso un paio di giorni in questa zona, alloggiando in un albergo bello e triste, perché in via di chiusura per assenza di clienti, e incontrando gente immalinconita, risentita, ma non rassegnata. Giovani amministratori locali, educatori, animatori culturali che tentano di mantenere in vita la lingua grecanica, parlata ancora da 500 persone anziane e derivante in via diretta dal greco antico.
Ho conosciuto intellettuali e gente semplice, abitanti di Melito e dei centri vicini che non sono scappati via, e che cercano di resistere, assediati dalla politica corrotta alleata della miserabile ndrangheta locale. Mi ha molto colpito la loro consapevolezza di stare dentro una potenziale cornucopia che basterebbe poco ad aprire. E mi ha molto incoraggiato la loro voglia di combattere.
Perché basterebbe poco a invertire la rotta?
Ma perché le risorse disponibili in loco, a Melito e nella Calabria circostante, sono prorompenti. Un paio di progetti di sviluppo ben mirati libererebbero energie in grado di vincere ogni ostacolo locale. Che cosa impedisce di fare un progetto europeo per valorizzare un gioiello come Pentidattilo, il mitico borgo sotto la montagna dalle cinque dita che da mille anni in qua stimola l’immaginazione e la poesia? È così difficile promuovere il Parco dell’Aspromonte e il bergamotto, nonché salvaguardare e rilanciare la lingua e la cultura grecanica? Cosa ci vuole, oggi, per creare le infrastrutture che consentano di gustare la costa, la montagna, l’archeologia magnogreca e le tracce della grande storia che si è fermata in loco per lo spazio di una intera civiltà?
Non occorre molto. Le risorse di questa zona sono tante, è vero. Ma anche quelle esterne sono di tutto rispetto. La Regione Calabria fino a tre anni fa disponeva di fondi europei destinabili ai suoi beni culturali – cioè proprio alle cose di cui stiamo parlando – per oltre 300 milioni di euro. Se il mio progetto sulla valorizzazione dell’archeologia magnogreca non fosse stato sabotato, a quest’ora la Magna Grecia calabra sarebbe sulla soglia del riconoscimento UNESCO, e ci sarebbe la fila per visitare Locri, Casignana, il bellissimo museo di Reggio. Tutti beni a poche decine di chilometri da Melito. E il mio albergo non sarebbe stato vuoto perché il turismo di qualità sarebbe lì praticamente tutto l’anno.
E per favore, a questo punto, non si tiri fuori la solita favoletta della ‘ndrangheta onnipotente che stronca ogni accenno di buongoverno. È falso affermare che i fondi europei non si spendono perché la mafia si oppone al loro impiego. I fondi non si spendono perché se producono sviluppo distruggono le carriere di assessori piccoli piccoli, che preferiscono dare 5mila euro alla sagra della castagna piuttosto che 30 milioni all’archeologia di Locri e di Reggio.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 831 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info