Home ¬Ľ Rassegna Stampa ¬Ľ Articoli ¬Ľ

Roma, Arlacchi all'incontro interparlamentare dedicato al popolo saharawi

E-mail Stampa PDF

Il 14 novembre a Roma,  il Presidente della Repubblica araba democratica saharawi Mohamed Abdelaziz e Mohamed Sidati, rappresentante del Fronte Polisario in Europa.

Disponibile a questo link il Documento finale della Conferenza

L'Europa e la comunità internazionale sostengano la causa del popolo saharawi e fermino il saccheggio delle risorse da parte del governo marocchino. L'appello del Presidente della Repubblica araba democratica Saharawi, Mohamed Abdelaziz arriva in occasione dell'incontro interparlamentare promosso alla Camera dei Deputati (Sala delle Colonne), dal senatore Stefano Vaccari con lo scopo di coordinare gli sforzi e promuovere il dialogo per una pace giusta nel Sahara occidentale."La posizione dell'Europa deve ispirarsi al rispetto della Carta delle Nazioni Unite, del diritto internazionale e dei diritti dei popoli di disporre delle proprie risorse e ricchezze nazionali - ha detto il Presidente Abdelaziz - deplorando le ambizioni espansionistiche del governo marocchino e invitando quindi l'Europa a imporre sanzioni economiche che favoriscano il rispetto della legalità internazionale".

All'incontro erano presenti parlamentari provenienti da Spagna, Austria, Stati Uniti, Argentina, Italia e Algeria che, al termine della riunione hanno sottoscritto un documento congiunto, impegnandosi a chiedere ai governi nazionali, al Presidente della Commissione europea, al Presidente della Commissione dell'Unità africana e al Segretario generale delle Nazioni Unite di attivarsi per ampliare il mandato della missione MINURSO per il monitoraggio dei diritti umani nel Sahara occidentale, di intervenire sul governo marocchino affinché liberi tutti i prigionieri politici saharawi tuttora in carcere, di intraprendere ogni azione politica utile a livello internazionale per individuare le fosse comuni, di conoscere la posizione riguardo l'accordo commerciale di sfruttamento delle risorse ittiche del Sahara occidentale da parte del Regno del Marocco.
"Già nel 2011 - ha ricordato l'eurodeputato del Pd Pino Arlacchi - il Parlamento europeo bocciò la proroga dell'Accordo sulla pesca tra Ue e Marocco perché non conforme al diritto internazionale, opponendosi allo sfruttamento delle acque territoriali del Sahara occidentale, che non appartengono al Marocco. È quindi necessario proseguire in quella direzione, contrastando l'imminente rinnovo del nuovo protocollo".
"Il colonialismo è un crimine e il Marocco mantiene in piedi l'ultimo esempio di colonialismo in Africa, quello ai danni del popolo saharawi" - ha aggiunto Arlacchi, relatore-ombra del Rapporto sui diritti umani nella regione del Sahel e del Western Sahara, approvato a ottobre scorso dal Parlamento europeo. Tra i punti principali del Documento, il diritto all'autodeterminazione del popolo saharawi, la libertà di associazione e di espressione, la liberazione dei prigionieri politici, l'accesso nel territorio del Sahara occidentale a osservatori indipendenti e ai media.

Nella prima fotografia: il Presidente Presidente della Repubblica araba democratica Saharawi Mohamed Abdelaziz,  il Rappresentante del Fronte Polisario in Europa Mohamed Sidati, e Pino Arlacchi.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 203 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info