Magna Graecia: Pino Arlacchi annuncia le sue dimissioni

E-mail Stampa PDF

10 set. 2013

La lettera pubblicata dal Quotidiano della Calabria

Gentile Presidente,

ho tentato più volte di parlarLe nelle ultime settimane a proposito della situazione della società “Progetto Magna Graecia” di cui sono Presidente dalla fine del 2011, ma senza esito. Ho più volte interloquito con l’assessore Caligiuri e con il suo staff, ma Caligiuri mi ha regolarmente rimandatoa Lei, sostenendo di non avere alcuna autorità per trattare il tema e prendere le decisioni conseguenti.
Mi sono trovato così senza un interlocutore in grado di assumersi le dovute responsabilità a proposito di un progetto di valorizzazione della più importante risorsa della Calabria. Progetto che tante speranze aveva suscitato e si trova adesso avviato verso il quasi certo fallimento.

Mi sono imbarcato in questa impresa nel 2009, appena eletto al Parlamento Europeo, quando era ancora in carica la precedente amministrazione regionale. Ho cominciato promuovendo un’associazione di comuni intenzionati a riempire il vuoto di iniziativa del governo Loiero nel campo della valorizzazione dei beni archeologici calabresi, e che chiedeva alla Regione solo un sostegno esterno di finanziamento. Fu all’inizio una piacevole sorpresa constatare come il nuovo assessore alla cultura e Lei stesso dimostrassero tanto interesse per il nostro progetto da “rilanciare”su di esso fino a proporre di dare vita ad una vera e propria società mista regione-comuni in grado di mettere a frutto non solo quello magnogreco ma l’intero patrimonio culturale della Calabria.

“Progetto Magna Graecia” è nata perciò con un profilo di trasparenza e di buongoverno che intendeva voltare pagina rispetto
alle squallide esperienze delle società partecipate dalla Regione Calabria. Generata da una legge ad hoc approvata all’unanimità, con Presidente ed amministratori senza compensi e di estrazione bipartisan, con uncomitato scientifico di alto profilo e un’agenda proiettata verso l’internazionalizzazione delle attività,a partire dall’iter per il riconoscimento della Magna Graecia calabra come Patrimonio dell’ umanità con il sigillo UNESCO, la società sembrava venuta al mondo sotto una buona stella.
Fin dal nostro primo incontro - come Lei ben ricorderà - abbiamo convenuto che, via via che credibilità ed operatività del Progetto Magna Graecia si fossero consolidate, sarebbero affluite nel suo bilancio risorse aggiuntive ben superiori ai fondi di dotazione iniziali. L’idea era quella di conquistare, anche grazie al mio impegno a Bruxelles, l’accesso privilegiato ai grandi progetti europei superiori ai 50milioni di euro. La storia successiva ha dimostrato che si trattava di una falsa partenza. Smorzatisi l’ entusiasmo e l’effetto-annuncio dei primi tempi, la vicenda della società è consistita in una catena di delusioni, ridimensionamenti, ritardi e disinteresse finale da parte Sua e dell’assessore Caligiuri che hanno portato alla situazione attuale: Magna Graecia è ancora priva di fondi di dotazione, senza prospettive di operatività e con tutti i suoi stakeholders demoralizzati e scontenti. Le sue uniche due iniziative di rilievo, la mostra “alle radici dell’Europa. Progetto Magna Graecia” tenutasi nel Parlamento Europeo nel novembre 2012 e l’inizio del complesso iter per il riconoscimento Unesco sono abortite per assenza di fondi. La Mostra non si è trasformata in un entità itinerante nonostante il suo successo e le numerose e prestigiose richieste di ospitalità, ed i contatti con l’UNESCO di Parigi si sono interrotti.

Sono perciò spiacente di doverLe comunicare che sono stato costretto a convocare per il prossimo 30 settembre un’assemblea
straordinaria dei soci con all’ordine del giorno lo scioglimento e la liquidazione della società. Le mie dimissioni saranno l’ ovvia conseguenza di questa determinazione.
In fede

Pino Arlacchi

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 379 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info