Uso sistematico della tortura nei centri di detenzione afghani finanziati dalla comunità internazionale

E-mail Stampa PDF

31 ottobre 2011

Secondo una relazione delle Nazioni Unite che risale al 10 ottobre 2011, in Afghanistan l'uso della tortura nei confronti dei detenuti è «sistematico».

A livello globale, la relazione dell'ONU rappresenta attualmente la visione più completa del sistema di detenzione in Afghanistan. Descrive un quadro devastante degli abusi perpetrati durante gli interrogatori dagli operatori di polizia e dei servizi d'informazione afgani, nonostante i donatori degli Stati Uniti e dell'UE garantiscano la formazione e sovvenzionino quasi per intero il bilancio dei ministeri afgani che gestiscono i centri di detenzione.

La relazione non valuta se gli operatori internazionali fossero a conoscenza di tali abusi; tuttavia, poiché è difficile credere che i finanziamenti destinati dalla comunità internazionale ai centri di detenzione afgani siano stati erogati in totale assenza di controllo e di vigilanza, tale frequente ricorso alla tortura suscita seri interrogativi sulla potenziale complicità o sulla negligenza degli operatori internazionali.

1. È il Vicepresidente/Alto rappresentante a conoscenza della turpe violazione dei diritti umani denunciata dalla relazione delle Nazioni Unite?

2. Come intende il Vicepresidente/Alto rappresentante procedere per rettificare quella che è una palese carenza di sorveglianza sui finanziamenti erogati, o nella peggiore delle ipotesi, la possibile complicità esterna in atti di tortura e maltrattamenti nei confronti dei detenuti afgani?

E-010257/2011

Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Pino Arlacchi (S&D) , Cornelis de Jong (GUE/NGL) , Keith Taylor (Verts/ALE) , Richard Falbr (S&D) , Barbara Matera (PPE) , Harlem Désir (S&D) , Giommaria Uggias (ALDE) , Erminia Mazzoni (PPE) , María Muñiz De Urquiza (S&D) , Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE) , Gianni Pittella (S&D) , Claudiu Ciprian Tănăsescu (S&D) , Marietta Giannakou (PPE) , Rolandas Paksas (EFD) , Ivo Vajgl (ALDE) , Rui Tavares (Verts/ALE) e Jaroslav Paška (EFD)

Risposta

[source:www.europarl.europa.eu]

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 Mag 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 Mag 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 Mag 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 Mag 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 Mag 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 Mag 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 Mag 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 Mag 2020

Newsletter


Chi è Online

 113 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info