Ringraziamento agli elettori

E-mail Stampa PDF

Grazie a voi, care elettrici ed elettori, rientro nella vita pubblica italiana dopo 12 anni di università e di impegno internazionale, e dopo aver pubblicato la mia opera fondamentale sugli inganni della sicurezza globale. Sono pronto per la nuova sfida. Il vostro sostegno mi fa sentire più attrezzato di una volta, quando mi lanciavo nei progetti più audaci senza pormi troppe domande. Mi sento più forte perché il vostro consenso è stato molto vasto e profondo. Ho ricevuto oltre 20.000 attestazioni di stima, che onorerò operando nel Parlamento Europeo secondo ciò che abbiamo concordato durante la campagna elettorale. Mi sento forte perché non mi avete votato sull’ onda di un mio momento di successo mediatico, ma perché convinti di sostenere una storia personale che vi riguarda da vicino.

Non amo parlare di me stesso, ma negli ultimi mesi ho dovuto farlo per render più concreto e credibile il messaggio che Italia dei Valori ha lanciato in occasione delle elezioni europee. Non tutti quelli che mi hanno votato mi conoscevano già. Sono sulla breccia da quasi tre decenni perché ho iniziato molto presto ad occuparmi di grandi problemi collettivi. Ma la mia assenza dall’ Italia dopo il 1997, quando ho lasciato il Senato per andare all’ ONU, ha fatto sì che prima della campagna elettorale molti giovani non sapessero quasi nulla di me. I miei incontri con loro sono stati uno degli aspetti più gratificanti dell’ intera vicenda elettorale.

La campagna è stata un esperienza eccezionale. Mi ha riconciliato con l’ Italia, con il Sud e con la mia regione di origine, la Calabria. Ho toccato con mano una ricchezza umana che avevo perso di vista. I tre mesi che hanno preceduto le elezioni sono stati come un viaggio dentro l’ anima dell’ Italia odierna che mi ha permesso di coglierne luci, ombre ed aspetti nascosti. Mi sono convinto, infine, di una cosa. E’ in atto uno scontro tra una “società incivile” minoritaria nel Paese ma maggioritaria in Parlamento, rappresentata dal Signor. B., da una parte, ed una società civile di gran lunga più numerosa ma umiliata, demoralizzata, amareggiata dalla mancanza di una prospettiva per il futuro.

E mi sono convinto che è da qui che bisogna partire per ricostruire una visione dell’ Italia che dia voce piena alla sua società civile. Cioè alla sua risorsa più grande.

Ho tenuto decine di incontri, conversazioni e dibattiti con cittadini di ogni genere, molti dei quali tutt’ altro che convinti della validità delle mie proposte e di quelle di Italia dei Valori. Ed ho trovato una costante smentita del famoso detto di Winston Churchill che una chiacchierata di cinque minuti con l’ elettore medio è il più grande argomento contro la democrazia.

Questo aforisma va rovesciato, perlomeno in riferimento all’ Italia e al Mezzogiorno di oggi. Sono uscito molto arricchito da questa esperienza. E più ottimista sul futuro del mio paese. Grazie ancora, care elettrici e cari elettori.

Pino Arlacchi

12 Giugno 2009

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 222 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info