Diario di Kampala

E-mail Stampa PDF

A Kampala in missione in pace

di Pino Arlacchi

Roma-Kampala, 28 mag. 2010

Sono in viaggio verso Kampala, Uganda, dove rappresenterò assieme ad altri quattro deputati il Parlamento Europeo in un evento che potrebbe assumere una rilevanza storica, se finirà come tutti i sostenitori della pace si stanno augurando.

Si tratta della Conferenza di revisione del Trattato di Roma, che ha istituito la Corte penale internazionale dodici anni fa. La Corte ha rappresentato un grande progresso per i diritti umani globali perché ha istituito il principio della responsabilità penale individuale per quattro mega-crimini: il genocidio, i crimini di guerra, quelli contro l’ umanità e il crimine supremo, quello di aggressione contro uno Stato sovrano.

Ma mentre nel 1998 si è raggiunto l’accordo per dare alla Corte piena giurisdizione sui primi tre delitti, sul reato di aggressione si è deciso di rimandare il compito della sua definizione e punizione ad una Conferenza successiva, quella che si aprirà appunto a Kampala. Il crimine di aggressione, in altre parole, è presente nello Statuto della Corte come una sua competenza fondamentale, ma non è diventato operativo a causa del dissenso tra i 120 paesi sottoscrittori del Trattato di Roma, o meglio, tra la maggior parte di loro e un pugno di grandi potenze, alcune delle quali (USA, Cina, Russia e India) non hanno neppure firmato il Trattato stesso.

Non è un caso che le grandi potenze si siano opposte, ed abbiano mantenuto la loro opposizione fino ad oggi, e stiano attivamente manovrando, dall'interno e dall’esterno dell’Accordo, per scongiurare l’approvazione dell’emendamento che renderebbe punibili i singoli governanti, gli individui concreti, e non solo gli Stati che si macchino del crimine che provoca più lutti di ogni altro: l’invasione, il bombardamento, il blocco navale e terrestre di un altro paese senza ragioni di autodifesa e senza autorizzazione del Consiglio di Sicurezza all’uso della forza.

Informerò più avanti i lettori del sito degli schieramenti che si sono formati a questo riguardo, e di come intendo muovermi assieme ai miei colleghi nel corso di una partita di grande respiro, la cui posta è molto vicina all’abolizione della guerra, alla proibizione legale dei conflitti armati per mezzo della leva molto potente della responsabilità individuale degli aggressori, individuata per la prima volta nel 1945, nel processo di Norimberga ai gerarchi nazisti.

Pino Arlacchi

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 201 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info