Afghanistan: rapporto Arlacchi, 80% aiuti finisce in sprechi

E-mail Stampa PDF

ATS - Agenzia Telegrafica Svizzera, 14 lug.2010

Gli aiuti internazionali all'Afghanistan finiscono in tangenti, forme di ''corruzione legalizzata'' e ruberie di ogni tipo e spesso finanziano il nemico. E' la tesi di fondo della bozza di risoluzione dell'Europarlamento per una nuova strategia europea in Afghanistan presentata da Pino Arlacchi (Idv).

 

''L'80% degli aiuti internazionali all'Afghanistan, in particolare quelli americani, non arrivano agli afghani ma si perdono negli sprechi e nella corruzione - ha detto Arlacchi, vicepresidente della Delegazione europea per le relazioni con l'Afghanistan, illustrando la bozza di mozione presentata oggi alla Commissione affari esteri del Pe - Il grande scandalo e' che due-tre miliardi di dollari finiscono, sotto forma di mazzette, nelle mani di insorti talebani, di signori della guerra, di banditi e criminali comuni''.
Nella sua relazione, frutto di una serie di visite in Afghanistan, Arlacchi ha sottolineato che a partire dal 2002 la sola Ue ha versato al martoriato paese 8 miliardi di euro e che nonostante cio' ''la mortalita' infantile e' aumentata, i livelli di alfabetismo sono calati e l'incidenza di quanti vivono al di sotto della soglia di poverta' e' aumentata nel 130% nei soli ultimi sei anni''. Arlacchi inoltre ha scritto che, secondo quanto riferito dal ministero delle finanze afghano, tra il 2002 ed il 2009 ''solo 6 dei 40 miliardi di dollari (15%) di aiuti americani'' e' arrivato alla popolazione.
''Il grande scandalo - ha detto l'europarlamentare in una conferenza stampa tenuta nella sede del parlamento a Bruxelles - e' che i soldi finiscano agli insorti tramite il sistema logistico militare''. A titolo di esempio Arlacchi ha portato i 27 milioni di dollari che vengono pagati ad una compagnia privata di sicurezza britannica per la protezione della rappresentanza diplomatica europea a Kabul. ''Un compito - ha osservato - che potrebbe essere agevolmente svolto da qualsiasi polizia europea, e una somma che basterebbe per gestire 20 ospedali''.
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 280 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info