Cyberterrorism, un falso mito per un business miliardario

E-mail Stampa PDF

Il racconto di scenari apocalittici alimenta negli Usa il mercato della sicurezza: un giro d'affari di 14 miliardi di euro l’anno. Anche la Nato voleva occuparsene, ma l'Europa non ci è cascata.

L'Unità, 12 dic. 2010

di Pino Arlacchi

«Nell’arco di un quarto d’ora, 157 grandi aree metropolitane sono state messe in ginocchio da un blackout elettrico che le ha colpite durante l’ora di punta. Nuvole di gas velenosi si estendono sopra Wilmington e Houston. Le riserve di petrolio di molte città stanno bruciando nelle raffinerie in fiamme. I convogli delle metropolitane di New York, Oakland, Washington e Los Angeles si sono scontrati l’un l’altro. Gli aeroplani precipitano uno dopo l'altro a causa delle collisioni nelle aerovie fuori controllo. Le vittime sono già migliaia».
Questo è lo scenario evocato dal più noto esperto americano di cybersecurity, Richard Clarke, ex-esperto di criminalità sotto Clinton, ed ex-amico mio.
La causa dell’Apocalisse? Un attacco terroristico ai sistemi di gestione dell’energia elettrica e dei trasporti, ormai largamente informatizzati. Le probabilità dell’Apocalisse? Vicine allo zero. Molto inferiori a quelle di uno scontro tra la terra e un asteroide vagante. Non sto esagerando. Studiosi del calcolo delle probabilità ed astronomi hanno misurato proprio questo tipo di rischi. Perché è da queste misurazioni che dipendono le politiche di protezione. O meglio, dovrebbero dipendere, dato che in questo campo il terrore, la disinformazione e la truffa regnano incontrastati.

 

Fino a questo momento, il virus della paura indotta da una minaccia super-gonfiata come quella del terrorismo informatico ha contagiato un solo paese, gli Stati Uniti. Ma lì la produzione di panico è uno dei business più fiorenti, tanto che qualcuno già parla di un “complesso militare-informatico” che fattura oltre 14 miliardi dollari all’anno.
Il business che ha fatto ricco il mio ex-amico Clarke, titolare della Good Harbor consulting, azienda di cybersecurity ed altro. I suoi consigli sono quasi infallibili, data le probabilità che le minacce da cui vuole proteggere i suoi clienti hanno di materializzarsi.
Nella vecchia Europa e nel resto del mondo c’è poca voglia di tremare di paura al pensiero degli hacker che mettono a ferro e a fuoco un paese per ordine di un gruppo terroristico o di una potenza ostile. Un mese fa, il segretario generale della NATO è stato severamente criticato, durante un’audizione al Parlamento europeo, da alcuni deputati che gli hanno chiesto di portare uno straccio di prova a sostegno della necessità che anche l’Alleanza atlantica si occupi della delinquenza informatica. La sua risposta semplicemente non c’è stata. E non per dovere di riservatezza, ma per imbarazzo dovuto a debolezza di argomenti.
Le fantasie a pagamento dei profeti di sventura si sono sposate, però, con gli interessi dell’ l’industria mediatica globale. Essa sta tentando di forzare la mano diffondendo le più inverosimili fesserie, come quella del quindicenne con i brufoli che riesce a forzare i codici di accesso del Pentagono e raggiungere la stanza dei bottoni dei missili nucleari.

In realtà, quasi tutti gli esperti sia di terrorismo che di informatica che non campano del panico altrui sono concordi nel ridimensionare drasticamente la scala dei danni che la criminalità e la guerra informatica hanno inflitto finora, o che possono infliggere, a un sistema paese o a una rete logistica e comunicativa. Gli argomenti-chiave sono tre:
La debolezza dei moventi. In un mondo nel quale le strategie di competizione e di dominio tra gli stati si basano sempre più sul “soft power” (vedi il successo di Cina, Unione europea, Brasile, India, Russia, Turchia e simili), diminuisce anche l’incentivo a iniziare una guerra o un’azione di destabilizzazione grave per via informatica. «Perché mandare in tilt Wall Street? – ha risposto un hacker cinese ben informato – quando ne siamo i proprietari? ».
La superiorità delle armi tradizionali. Ciò vale soprattutto per i gruppi terroristici i quali hanno valutato più volte l’ uso di tecnologie informatiche o di armi non convenzionali, optando invariabilmente per strumenti semplici ed affidabili come esplosivi, armi leggere, coltelli. L’ 11 settembre è stato fatto usando dei tagliacarte e non delle tastiere. Il numero dei morti per terrorismo informatico finora è zero. E anche il terrorismo va decrescendo.
La forza dei sistemi di protezione. I profeti della sventura informatica descrivono sequenze di atti catastrofici come se dall’altro lato non ci sia nessuno a reagire. Ed omettendo dolosamente di informare il pubblico su alcuni fatti che ridurrebbero del 98% il volume del pallone che stanno gonfiando. Il più importante è che i sistemi davvero sensibili non sono fisicamente connessi ad Internet e sono quindi inaccessibili ad hacker e terroristi. Le agenzie di intelligence e di polizia, le forze armate, il controllo del traffico aereo e della distribuzione dell’ energia elettrica, le centrali nucleari, non comunicano con alcuna rete esterna, e neppure tra di loro. Sono sistemi chiusi, e non da oggi, ma dall’ inizio dell’ era informatica. Non usano software commerciali, ma se li fanno confezionare su misura.
Ciò provoca un altro tipo di problemi, quello della non-condivisione delle informazioni tra agenzie di sicurezza, che è molto più serio di quello del terrorismo informatico, e che avrebbe potuto far evitare l’11 settembre. Ma nessuno ne parla perché non è sexy, non si presta a produrre paura e non fa fare soldi.


 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 Mag 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 Mag 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 Mag 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 Mag 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 Mag 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 Mag 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 Mag 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 Mag 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 Mag 2020

Newsletter


Chi è Online

 366 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info