A Bruxelles, l'appello dal "Sud che funziona"

E-mail Stampa PDF

Bruxelles, 19 ott. 2011

C’è un Sud virtuoso che si sente sempre più parte integrante dell’Europa, ma che chiede di superare gli ostacoli normativi e burocratici che tengono ancora troppo lontani gli enti locali dalle istituzioni comunitarie, e che ne rallentano lo sviluppo.

È il messaggio forte lanciato dalla conferenza-dibattito “Il Sud che funziona”, promossa dall’eurodeputato Pino Arlacchi e organizzata dal gruppo S&D a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo.

All’incontro hanno partecipato 14 sindaci e amministratori locali di altrettanti Comuni della Campania: Agropoli, Amalfi, Atrani, Campagna, Casalbuono, Cetara, Felitto, Giffoni Valle Piana, Giungano, Oliveto Citra, Rutino, Sassano, Torchiara, Vietri sul Mare.

Un’iniziativa destinata a ripetersi e che vuol portare all’attenzione delle massime istituzioni europee quelle amministrazioni che, dando prova di buon governo, sono riuscite a valorizzare le risorse offerte dal territorio e dalle rispettive tradizioni (turismo, artigianato, industria, attività culturali), e hanno saputo sfruttare al meglio le opportunità di finanziamento dell’Unione europea.

«L'Europa – ha spiegato Arlacchi – deve saper raccogliere la richiesta degli amministratori locali: c’è da correggere e definire meglio strumenti normativi che spesso si sono rivelati farraginosi o addirittura illusori per i Comuni, dagli “accordi di reciprocità” con la Regione, al rispetto del patto di stabilità che spesso lega le mani agli enti locali, impedendo di trasformare spese correnti in spese di investimento e bloccando numerosi progetti».

Arlacchi ha rivolto un plauso all’azione di Comuni virtuosi che, mettendo da parte ogni forma di vittimismo antistatale e di retorica campanilistica, mostrano ogni giorno, nei fatti, quanto la progettualità politica e la creatività intellettuale si possano tradurre in forme di buon governo.
«Sono esempi trainanti – ha detto l'eurodeputato – che devono ora contagiare quella fetta di Sud rimasta più indietro, soprattutto per incapacità dei propri dirigenti. Il miglior rimedio contro l’antipolitica dilagante è la vicinanza della gente, la fiducia delle comunità locali conquistata con l’onestà e la trasparenza di amministratori capaci, e con l’uso efficace delle risorse a loro disposizione».

«Risparmi, politiche fiscali, bilanci sani: contare sulle proprie forze è la prima arma per crescere, ma non c'è dubbio - ha concluso Arlacchi - che il futuro dell’Europa passi dai Comuni. Più si rafforzano questi esempi di eccellenza amministrativa, soprattutto in zone bisognose di sviluppo, più si dà senso e al grande progetto europeo.

Al dibattito è intervenuto, tra gli altri, il dirigente dell'Unità di Politica Regionale della Commissione Europea, Alberto Piazzi che ha evidenziato come i progetti finanziati dall’Europa abbiano la massima garanzia di trasparenza, di monitoraggio e di “tracciabilità” dei fondi. Piazzi ha invitato i Comuni a non esitare nel segnalare ritardi e inefficienze nella gestione degli stanziamenti, per poter attivare immediatamente ogni forma di controllo da parte delle istituzioni europee. Anche Piazzi ha sottolineato l’importanza delle forme di partenariato per dare più forza alle istanze dei Comuni.

Sullo stesso tema si è soffermato l''eurodeputato Andrea Cozzolino, che ha spiegato come l’Europa stia cercando di cogliere le sollecitazioni degli enti locali avviando, sia pure in fase sperimentale, forme di rapporto diretto con i Comuni. Allo studio anche l’ipotesi di una gestione diretta del 5% dei fondi comunitari da parte degli stessi Comuni, sottraendo questa quota al “filtro” delle Regioni.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 118 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info