4 LUOGHI COMUNI DA SFATARE SULLA MORTE DI RIINA

di Pino Arlacchi

"Panorama online", 21 novembre 2017

 Riina genio del male, al comando di Cosa nostra fino alla morte, depositario di grandi segreti, inventore del terrorismo mafioso. Cosa Nostra che si riorganizza sul modello soft catanese …

Molti, troppi luoghi comuni e approssimazioni, e tanto wishful thinking, nelle reazioni italiane alla morte di Riina. Tentiamo di analizzarne alcuni.

Riina era un genio del male

NO.Riina è stato uomo da quattro soldi, meschino e senza onore.Non c’è stata alcuna grandezza nella sua malvagità. E non esistono geni né angeli del male dentro Cosa Nostra e simili concrezioni.  Il crimine più abietto – ci ha insegnato Dostoevskij in “Delitto e Castigo”-  nasce dalla mediocrità, dall’invidia e dalla pochezza d’animo. I mafiosi come Riina sono piccoli uomini dentro grandi storie, legni storti alla deriva, che infliggono lutti e sventure a chiunque abbia la sfortuna di incontrarli. 

   Non è mai esistita una mafia “cattiva”, sanguinaria e fedifraga alla Riina contrapposta ad una mafia soft, cavalleresca e rispettosa delle regole alla Stefano Bontade.  Ci sono state differenze nella sua storia, ma tutte dentro lo stesso paradigma.
       Piccoli uomini dentro grandi storie. Perché? Perché strumenti di potenze malefiche superiori, capaci di violenze e frodi su scala ben più ampia, in grado di usare per il proprio tornaconto la macchina dello stato, il Parlamento, l’economia e le alleanze internazionali dell’ Italia.
Gli anni di Riina sono stati l’epoca d’oro della grande delinquenza nel nostro Paese. Corruzione ai massimi livelli, lobbismo criminale, finanza d’avventura ed apparati pubblici deviati sono stati gli inseparabili compagni di Cosa Nostra lungo tutti gli anni ’70 e ’80.
Ma la festa è in gran parte finita quando la reazione che si è levata dal profondo della società italiana e dello stato di diritto ha raggiunto la veemenza sufficiente per misurarsi apertamente con il blocco di potere criminale. Lo scontro è culminato all’inizio degli anni ’90. E’ costato la vita di Falcone, Borsellino e tanti altri, ma ha segnato anche la fine della mafia corleonese e di molti dei suoi tristi compagni.

Riina era ancora il capo di Cosa Nostra

    NO. Come abbia fatto Riina a restare al vertice di Cosa nostra dopo il suo arresto non viene spiegato da nessuno. Riina in realtà è stato sepolto vivo dal 41bis, il provvedimento sul carcere duro emanato subito dopo Capaci e che ha posto fine al potere della mafia dentro le carceri, spezzando la continuità del comando dei boss dopo il loro arresto.

     Con una visita al mese da parte dei familiari, restrizioni nei contatti con altri detenuti, severi limiti a lettere, messaggi e telefonate, l’ unico strumento a disposizione di  Riina per inviare ordini ai suoi sottoposti sono stati i suoi avvocati ed i parlamentari che hanno tentato di fargli visita. Questi ultimi sono stati respinti da Riina stesso, e gli avvocati siciliani si sono guardati bene, durante i non frequenti colloqui con lui, dal farsi tramite di messaggi.  

Più tempo passa, più il 41bis si rivela uno strumento cruciale per distruggere potere e prestigio dei capimafia detenuti.

Riina era depositario di grandi segreti

     NO. Il più grande segreto di Cosa nostra era l’ identità dei suoi protettori. Identità svelata dalle indagini e dai processi contro Andreotti, i cugini Salvo ed i loro amici nella Corte di Cassazione, nei servizi di sicurezza, nei ministeri, nei tribunali e nelle Procure.   

      La connection che partiva dal governo centrale e scendeva giù per li rami fino alle cosche siciliane, era ben nota fin dalla metà degli anni ’80 a Falcone-Borsellino e al pool di Chinnici e Caponnetto.  

Sono stato parte di questa presa di coscienza, e posso dire che eravamo perfettamente consapevoli della partita che stavamo giocando. Ed i nostri avversari  sapevano che noi sapevamo: l’ attentato dell’ Addaura, nel 1989, fugò ogni dubbio sulla posta che era in gioco.

   Ma per “segreti” si potrebbero intendere, invece, componenti tuttora nascoste del circolo di potere che è uscito sconfitto dalla scontro con le forze della legalità di cui stiamo parlando. 

Se è così, in che direzione, allora, si dovrebbe guardare?

   Cosa ci poteva essere al di sopra dei poteri centrali del tempo? Il governo degli Stati Uniti e la sua polizia imperiale, la CIA?

    Ma dobbiamo escludere gli americani. La guerra fredda era appena terminata. Di fronte a questo inedito conflitto italiano, gli Stati Uniti stavano solo a guardare. E se proprio dovevano prender partito, lo prendevano più a favore che contro l’ antimafia, come ebbe a lamentarsi lo stesso Andreotti quando dichiarò di essere stato scaricato dagli USA.

   Se per “segreti” , infine, si vogliono intendere verità giudiziarie definitive, nonché nomi, responsabilità e circostanze dettagliate di ogni strage, assassinio e fatto eversivo accaduto in Italia tra gli anni ’80 e la metà degli anni ’90, è vero allora che la strada da percorrere è ancora lunga.

    Tutti i delitti politici hanno percorsi tortuosi e zone che restano oscure, da Giulio Cesare a J.F. Kennedy, ma nella nostra piccola Repubblica siamo perlomeno riusciti a tratteggiare le grandi linee, e le principali responsabilità politiche dirette, dell’ eversione di Stato più recente.  Non dimentichiamo il prezzo, altissimo, che abbiamo pagato per questa operazione di verità e di giustizia. La conoscenza di ogni tessera del mosaico politico-mafioso è costata la vita di un servitore dello Stato. Altro che trattativa.

Sta per scoppiare una nuova guerra di mafia

NO. E’ solo wishful thinking dell’antimafia integralista e dei cronisti giudiziari over 50. Non ci saranno né guerra di successione né una nuova guerra di mafia. Cosa Nostra a guida corleonese – cioè Cosa Nostra tout court - è finita. Come potenza economica e come forza politica e militare. La sua spina dorsale è stata spezzata dal maxiprocesso del 1985-86, il capolavoro di Giovanni Falcone. Il lavoro è stato portato a termine dalle indagini successive, dalle leggi sui pentiti, sul 41bis e sul riciclaggio.

     Nel frattempo la società italiana e la Sicilia le hanno voltato le spalle. Il senso comune è oggi contro e non filo-mafia. Al punto che il maggior pericolo oggi è la falsa antimafia.

   Ciò che è rimasto è il simulacro della Cosa Nostra di un tempo. La mafia siciliana è oggi ridotta a trattare da pari a pari con i politici locali, a fare  affari senza poter usare la violenza, cioè lo strumento principe della sua supremazia nei mercati.

       Cosa Nostra siciliana da decenni è tagliata fuori dai maggiori traffici illeciti. E in quelli legali, un’ impresa mafiosa che non può usare la forza per conquistare i  mercati diventa un soggetto come un altro. E’ costretta a subire la concorrenza dei network della corruzione politica, dell’ associazionismo clandestino, nonché delle imprese forti vere e proprie che la sconfiggono senza troppo sforzo nelle gare di appalto e nell’ accesso alla pubblica amministrazione.

   Invece di fantasticare una mafia resuscitata da una catarsi interna, pensiamo piuttosto a darle il colpo finale.

https://www.panorama.it/news/cronaca/toto-riina-4-luoghi-comuni-da-sfatare-dopo-morte/

 

 

IN MORTE DI UN UOMO DEL DISONORE

di Pino Arlacchi

17 novembre 2017

Ventiquattro anni di carcere duro. Uno per ogni ergastolo ricevuto. E prima del carcere, tanti anni di vita sordida, nascosta, da assassino costretto a fuggire e ad uccidere per non essere ucciso. E prima della latitanza, un’ esistenza da capraio, tra le colline desolate di Corleone. Questa è stata la vita di Salvatore Riina, detto Totò. Un uomo da quattro soldi, meschino e senza onore.

   Non c’è stata alcuna grandezza nella sua malvagità. Non esistono angeli del male. Il crimine più abietto nasce dalla mediocrità, dall’ invidia e dalla pochezza d’ animo. I mafiosi come Riina sono piccoli uomini dentro grandi storie, legni storti alla deriva, che infliggono lutti e sventure a chiunque abbia la sfortuna di incontrarli.

       L’ unica nota di umanità nella vita di Riina  è stata la sua morte non violenta, circondato dai suoi cari e ben curato e assistito fino all’ ultimo. Una fine atipica, diversa da quella del suo  predecessore corleonese, Luciano Liggio, crepato solo e abbandonato da tutti in un carcere sardo, e diversa da quella di un altro pluriassassino, Gaetano Badalamenti, morto solo come in cane dentro un terribile penitenziario americano.

Piccoli uomini dentro grandi storie. Perché? Perché strumenti di potenze malefiche superiori, capaci di violenze e frodi su scala ben più ampia, in grado di usare per il proprio tornaconto la macchina dello stato, il Parlamento, l’ economia e le alleanze internazionali del Paese.

Gli anni di Riina e Andreotti sono stati l’ epoca d’oro della grande delinquenza nel nostro Paese. Corruzione ai massimi livelli, lobbismo criminale, finanza d’avventura ed apparati pubblici deviati sono stati gli inseparabili compagni di Cosa Nostra lungo tutti gli anni ’70 e ’80.

    Ma la festa è in gran parte finita quando la reazione che si è levata dal profondo della società italiana e dello stato di diritto, gia’ presente nei tristi tempi dell’ andreottismo, ha raggiunto la forza di misurarsi apertamente con il blocco di potere criminale.

    Chinnici, Falcone, Borsellino e tanti altri al Sud. Mani Pulite al Nord. La magistratura e i dirigenti di polizia fedeli alla Repubblica in tutto il Paese, hanno guidato uno scontro al calor bianco che è durato fino a qualche anno fa, e che non si è del tutto concluso neanche adesso.

   

Questo è quanto pensa “quell’ Arlacchi che scrive libri”, come mi definì Totò Riina, credendo di condannarmi a morte durante una pausa di un processo a Reggio Calabria nel 1994.

E questo è quanto scrivo, vivo e in buona salute, in una bella giornata di sole del tardo novembre 2017, avendo appena appreso la notizia della fine di Riina. Non sento alcuna gioia. Il mafioso è già morto da vent’anni, annientato dal 41bis, il regime carcerario che abbiamo introdotto subito dopo Capaci.

Sento solo un po’ di melanconia per non poter commentare con Giovanni Falcone la dipartita di un uomo del disonore.      

 

TERRORISMO: INTERVENTI ESTERI SBAGLIATI E NON “RADICALIZZAZIONE”

di Pino Arlacchi

15 novembre 2017

I dati appena pubblicati dal Global Terrorism Index mostrano come la matrice principale degli attentati in Europa negli ultimi anni non è quella prediletta da media e governi, cioè la “radicalizzazione” di giovani islamici squilibrati, ma il cosiddetto “blowback”. Nel gergo dell’intelligence americano la parola indica l’ effetto non voluto di azioni violente - coperte e non - nei teatri di intervento estero. Laradicalizzazione è semmai un aspetto del “blowback” e non la sua causa.
Non a caso è la Francia il paese più colpito, seguita dal Regno unito. Entrambe le nazioni hanno affiancato gli Stati Uniti nella guerra non dichiarata contro la Siria. Bombardamenti, uccisioni mirate, rapimenti, sequestri, che hanno lasciato sul terreno decine di migliaia di vittime, molte delle quali civili. Azioni giustificate come atti di una guerra che nessuno ha autorizzato, e perciò illegale. Volta a rovesciare un regime autoritario, certo. Ma un regime che non stava minacciando in alcun modo gli autori dell’ aggressione. 
Tra i 3900-4.300 foreign fighters europei stimati esistere nel 2016 dal Global Terrorist Index la maggior parte provenivano dal Regno Unito e dalla Francia, il cui presidente Hollande ha riferito a due giornalisti di “Le Monde” di avere personalmente autorizzato 4 esecuzioni senza processo di sospetti jiadisti. Ma secondo altri le esecuzioni da lui ordinate sono state almeno 40. 
Italia, Germania e paesi scandinavi hanno adottato in Medioriente una strategia di segno opposto. Niente guerra aerea, né combattimenti, né uso di forze speciali ed esecuzioni sommarie. Il risultato si è visto con l’ assenza (finora) di contraccolpi violenti, e con il capo della polizia che nel 2016 dichiara esistere solo 98 foreign fighters italiani. La Germania ha sofferto di un solo attentato di modeste proporzioni, avvenuto un anno fa.
In conclusione. Una politica di intervento estero intelligente e rispettosa della legalità internazionale, la cui diversità va rimarcata, e che va proseguita a tutela, tralaltro, degli interessi dell’ Italia.

 

BENE E MALE. QUANTO PESANO?

di
Pino Arlacchi
 
Gli interessi di cassetta dell’ industria mediatica ci hanno convinto di vivere in mezzo al caos e alle lacrime universali. Ma è vero l’ opposto. E’ in corso un grande scontro tra le forze della solidarietà e dei diritti umani da un lato, e quelle del privilegio e della violenza dall’ altro. 
       E non è affatto detto che le prime trionfino, e che non ci resti altro che rassegnarci di fronte all’ avanzata del Male. 
     Se invece di misurare il livello morale del pianeta sulla base dei piagnistei a basso prezzo dei TG e delle prime pagine ci decidessimo ad usare cifre e dati, ne otterremmo un quadro completamente diverso. 
       Prendiamo un anno, il 2015, in cui i massacri della Siria, dell’ Iraq e dell’ Afghanistan hanno fatto impennare la cifra delle vittime violente globali registrate dall’ OMS fino a 171mila, cui occorre aggiungere i 408mila morti per omicidio.  
     Ma la stessa OMS ci informava che in quello stesso anno c’erano in vita quasi 7 milioni di bambini in più di quanti ce ne sarebbero stati se la mortalità infantile si fosse mantenuta ai livelli del 1990. Invece dei 12,7 milioni del 1990, erano deceduti nel 2015  5,9 milioni di bambini.
      Ancora tanti, troppi, ma in 25 anni le forze dell’ empatia e dei diritti che muovono le vaccinazioni, l’igiene, la nutrizione adeguata, la disponibilità di medici, medicine e acqua pulita avevano ridotto del 53% la mortalità infantile globale: 100 milioni di vite risparmiate dall’ attacco delle malattie e della malnutrizione. 
      I motori dello sviluppo umano non sembrano scoraggiarsi di fronte alle catastrofi più recenti. Esse sono odiose e sconcertanti, e le 579mila morti violente del 2015 possono indurre comunque allo sconforto. 
   Ma quando si ragiona su di esse è bene tenere anche presente che ogni giorno nel nostro pianeta, secondo la Banca mondiale, ci sono 250mila persone che si liberano da una delle forme più umilianti di soggezione, quella della povertà estrema. 
    Cio’ accade dal 1990, ma nessuno sembra accorgersene, prigionieri come siamo della cattiva informazione disseminata dal partito della paura.
  
7 Novembre 2017
 
 

PERCHE' IL TERRORISMO CONTINUA AD AUMENTARE

di Pino Arlacchi

2 Novembre 2017

 

L’ attacco terroristico di New York ha prodotto molti esercizi mediatici sul bilancio della lotta contro il terrorismo 16 anni dopo l’ 11 Settembre. Ma si tratta perlopiù di lamenti retorici che ignorano fatti e cifre elementari. Offuscando la comprensione di ciò che è davvero accaduto da quando gli Stati Uniti sono partiti lancia in resta in una controffensiva antiterroristica che è tuttora in corso e non mostra segni di esaurimento.

Dopo il crollo delle due torri gli USA hanno attaccato militarmente, da soli o assieme ai loro alleati, in modo palese o coperto, e con scuse di vario genere, 4 paesi mediorientali: l’ Afghanistan, l’ Irak, la Libia e la Siria.

     Irak e Siria sono stati quasi rasi al suolo da migliaia di raid aerei che hanno provocato centinaia di migliaia di morti. Afghanistan e Libia sono stati anch’essi largamente bombardati, ma non rasi al suolo perché in larga parte desertici (Libia) o perché già distrutti da guerre precedenti (Afghanistan).

    Risultati? Al Queda è sempre lì, di nuovo in piedi dopo una temporanea crisi. I Talebani sono sempre lì, e controllano buona parte del territorio e delle coltivazioni di oppio. La violenza settaria imperversa in Irak, e anche Assad è sempre lì, testimone della idiozia di combattere una tirannia armando e finanziando gruppi terroristici rapidamente diventati nemici dei loro sponsor e confluiti nello Stato Islamico. Quanto alla Libia, perfino gli autori dell’ aggressione al paese nel 2011 riconoscono oggi che il rovesciamento di Gheddafi è stato un tragico errore.

   Ma c’è di peggio. I dati disponibili dimostrano che le guerre mediorientali del nuovo secolo hanno accresciuto la minaccia terroristica invece di stroncarla. Nel 2000 il Dipartimento di stato aveva identificato 13 gruppi di matrice fondamentalista islamica attivi in Medioriente, con un totale di 32mila affiliati combattenti. Nel 2015 questi gruppi erano diventati 44 con quasi 110mila combattenti.

 Gli attentati terroristici nei 7 paesi in cui l’ America è intervenuta militarmente (i 4 citati più Somalia, Pakistan e Yemen) tra il 1987 e il 2015 sono aumentati del 1900%, stravolgendo tutte le statistiche e tutte le previsioni.  Invece di colpire il fanatismo eversivo, l’ uso indiscriminato della forza  militare l’ ha fatto proliferare e salire di livello.

   E la terribile ironia consiste nel fatto che le angosce, i danni e le tragedie generati dal modo americano di fare la guerra al terrorismo si stanno quasi interamente riversando sugli alleati-complici europei. E in primo luogo sulla Francia e il Regno Unito, maggiori partner di una strategia sbagliata e distruttiva.

 

 

 

   

TERRORE DI STATO

di Pino Arlacchi

22 ottobre 2017

<< Se Kim dovesse morire all’improvviso - ha dichiarato due giorni fa il direttore della CIA - non chiedetemi un commento, visto la storia della Cia non intendo parlarne, non sarebbe utile >>.
I media occidentali hanno riportato questa dichiarazione senza commentarla, o al massimo hanno fatto dell' ironia sui tentativi della CIA di uccidere Fidel Castro. Qualcuno ha richiamato la morte di Salvador Allende e Che Guevara, ma solo per sottolineare che si tratta di una minaccia credibile.
Il problema è che questa dichiarazione ricade nell' ambito della propaganda e della minaccia terroristica.
Ma siccome evocherebbe il terrorismo di stato, essa non è sanzionabile dalle convenzioni internazionali e dalle leggi antiterrorismo interne ai singoli paesi membri dell' ONU.
Queste si applicano solo ad entità non statali. Se il terrorismo è praticato dai "privati" è punibile, ma se lo fanno gli stati rientra nelle prerogative della sovranità.
E' l' imbarazzo a riconoscere il terrorismo di stato che ha finora impedito di firmare una Convenzione quadro contro il terrorismo.
Se il capo di un organo statale effettua una minaccia terroristica contro un'autorità estera, allora, ci si può aspettare che questa reagisca in modo simmetrico. A spese del diritto e della sicurezza internazionali.
Terrorismo richiama terrorismo.
Riflettete su cosa sarebbe accaduto se questa dichiarazione fosse stata fatta dal dirigente di un "rogue state" e non da chi crede di essere la polizia imperiale.
E pensate a quanti nuovi terroristi vengono creati da questo modo di pensare e dalle sue estensioni in politica estera.

 

PERCHE' NON C'E' STATO ANCORA IN ITALIA UN ATTENTATO TERRORISTICO GRAVE?

L' Economist di oggi pubblica questa mia analisi sul perchè non c'è stato ancora in Italia un attentato terroristico grave.
Print edition | Letters
Oct 19th 2017
 
Italy’s role in foreign wars
 
You put forward a couple of reasonable explanations for why Italy has not yet been struck by a serious terrorist attack (“Safe so far”, September 30th). But one unmentioned factor is Italy’s low profile during the recent wars in the Middle East. We never bombed the Syrians the way France did. The terrorist blowback, the number of Italian foreign jihadists and the resentment against Italy in the Middle East are, therefore, much more limited.
 
Moreover, you aired the view that the Mafia may have deterred the jihadists. There is no evidence to support this. Today’s Mafia lacks both the strength and the will to care about terrorism, because it is too busy searching for ways to survive in a largely hostile environment.
 
What is true is that the instruments we used to defeat Cosa Nostra turned out to be very effective in tracing and neutralising, so far, a significant number of terrorist cells.
 
PINO ARLACCHI
Former UN undersecretary-general
Rome
 

IL GAP DI CIVILTA’ TRA GLI STATI UNITI E L’ EUROPA

 di Pino Arlacchi

3 Ottobre 2017

Lo stragista di Las Vegas non viene da Marte, ma dalle viscere della società americana, troppo riluttante a mettere sotto controllo e svalutare la violenza. E troppo arrogante per imparare dalla vecchia Europa il mestiere di vivere meglio.

   Vivere, cioè, riducendo sempre più la violenza nei rapporti umani.

   Gli Stati Uniti sono una società avanzata solo in superficie. Per ciò che riguarda alcuni basilari standard di progresso e di rispetto per i diritti umani, sono indietro di secoli rispetto a noi. Non sono stati  ancora capaci di imboccare la strada che l’ Occidente europeo, il  Giappone e vari stati asiatici hanno iniziato a seguire più di 600 anni fa, con la costruzione del monopolio statale della violenza nei loro territori.

      Monopolio che inizia con la proibizione del trasporto e dell’ uso privato delle armi da fuoco, e che prosegue con l’ espulsione della violenza dalla vita quotidiana. Da lungo tempo ci siamo sbarazzati dei duelli, delle vendette di sangue, delle faide, dei delitti d’onore. E stiamo riducendo anche le violenze contro donne, vecchi e bambini.

Le armi, in Europa, non vengono usate quasi più neppure dalle forze di polizia. Si sono quasi azzerati, da noi, i casi di uccisioni da parte della forza pubblica, contro i 900-1000 cittadini tolti di mezzo ogni anno dalla polizia americana.

     Qualcuno l’ha chiamato processo di civilizzazione.  Altri lo chiamano progresso dei diritti umani.

      Certo è che una società senza monopolio pubblico della forza è una società incivile, dove ciascuno si sente intitolato a farsi giustizia da sé, e dove l’ ordine viene mantenuto dalla polizia, dalla paura di finire in prigione e dal timore della ritorsione nemica.

   Sapete quanti arresti avvengono negli USA ogni anno? Circa 10 milioni. Il 3% della popolazione finisce ogni anno in galera, e per alcune categorie come gli adolescenti, i neri ed i poveri questa cifra è molto più alta.  Un cittadino americano tra i 30 ed i 34 anni, se è bianco e con bassa istruzione, ha il 28% di probabilità di finire almeno una volta in carcere. Ma se è nero il tasso sale all’ incredibile cifra del 68% (fonte, vedi Eberstadt qui sotto, pag. 140).

    Una democrazia non è tale se tiene sotto minaccia di incarcerazione intere categorie della sua popolazione. E se permette l’acquisto, la detenzione e la circolazione di 300 milioni di armi automatiche senza alcun serio controllo.

   Sapete quanti sono i detenuti presenti nelle carceri americane? Oltre 2milioni. 7 volte e mezzo la percentuale europea. Il primato mondiale, come mostra la tabella che segue rinvenibile in https://en.wikipedia.org/wiki/United_States_incarceration_rate, (riferita a qualche anno fa, ma oggi la situazione è ancora peggiore).

     Poiché i detenuti sono in maggioranza giovani maschi in età lavorativa, la loro presenza in galera contribuisce a gonfiare l’ esercito dei 7 milioni di adulti americani senza lavoro, e che non entrano nelle statistiche sulla disoccupazione. Chi volesse approfondire l’ argomento può leggere N. Eberstadt, Men Without Work, America’s Invisible Crisis, Templeton Press, 2016.

    Avete idea, allora, di quanto durerà l’ allarme per la strage di 50 persone inermi a Las Vegas da parte di un non-terrorista?

    Durerà pochi giorni, come in tutti i casi precedenti. La strage è troppo vicina ai fondamentali della (in)civiltà americana.

 

QUEI CARTELLI CRIMINALI CHE NON SONO MAI NATI

di Pino Arlacchi
 
Il Corriere della sera
17 Settembre 2017
 
     Il Viminale ha diffuso di recente alcuni dati in grado di lasciare di stucco  le Cassandre che imperversano nella vita pubblica italiana. Queste cifre mostrano come la criminalità più violenta in Italia è continuata a diminuire anche quest’anno, dopo aver toccato nel 2016 il suo minimo storico di 397 omicidi. 
     Sono 0.65 morti violente per ogni 100mila abitanti. E’ un dato tra i più bassi del mondo, ed esprime un trend solido, che dura ininterrotto da venticinque anni.  
   Per dare un’idea: nel 1991 si verificarono quasi 2.000 uccisioni, 1.136 delle quali nel triangolo criminale Campania-Sicilia-Calabria, regioni dove l’ ultraviolenza arrivò a superare i livelli di luoghi-simbolo come New York e Chicago.
     La violenza più grave (quella della criminalità organizzata, dei furti e delle rapine col morto, delle vendette, delle liti e degli odi familiari più estremi)  è decresciuta  costantemente al Nord come al Sud, nelle metropoli e nelle province in un paese che nonostante tutto ha continuato ad incivilirsi invece di incanaglirsi.
     Non siamo mai stati così sicuri, soprattutto nelle città più grandi. Roma, Genova, Milano, ma pure Palermo, Catania e perfino Napoli hanno visto crollare la violenza letale a livelli mai conosciuti.
   La violenza contro le donne è in Italia la più bassa d’ Europa. Chi avesse dei dubbi può leggersi l’ analisi di Dalla Zuanna-Minello su “il Foglio” del 27 agosto. 
     
 Il declino della violenza criminale non è stato interrotto né da un decennio di crisi economica, né da una colossale ondata migratoria.
     Esso è cominciato proprio quando la popolazione nata all’ estero ha iniziato una crescita di quasi venti volte, da 340mila individui del 1991 ai quasi 6 milioni di oggi.
  Un esercito di giovani maschi provenienti da quasi ogni parte del pianeta, candidati naturali al disadattamento e alla protesta violenta, si sono stabiliti in Italia in modi sostanzialmente pacifici. Essi hanno smentito i profeti di sventura che li vedevano protagonisti di una impennata generale della delinquenza, e non hanno riempito i vuoti creati nei piani alti della malavita dall’ offensiva antimafia post-Capaci e Via D’ Amelio.
   Una contenuta minoranza di nordafricani e latinoamericani (in prevalenza irregolari) sono entrati, è vero, nelle reti di distribuzione delle droghe mentre albanesi e romeni importavano giovani prostitute e altri si dedicavano agli scippi ed ai furti. 
   Ma non si sono formati cartelli criminali in grado di sostituire Cosa Nostra, e la strada della delinquenza non è riuscita, in fin dei conti, ad attrarre numeri significativi di immigrati.  
Non siamo in balìa delle mafie di stranieri immigrati per due ragioni principali. Da un lato la crescita di efficienza delle nostre  forze di polizia lungo gli stessi anni ’90 ha chiuso gli spazi per la nascita di gruppi criminali in grado di agire su vasta scala. 
     Dall’ altro, questo contingente di emigrati è composto in larga parte da soggetti che nutrono poca simpatia verso il crimine organizzato perché già vittimizzati dalle mafie dei Paesi di origine, e perché sfruttati ferocemente dai trafficanti di esseri umani.
      E’ anche per queste ragioni che la società italiana è stata capace di assorbire l’ ondata migratoria degli ultimi venticinque anni senza trasformarsi in un campo di battaglia e senza creare ghetti ed odi diffusi.
    Il trend depressivo della violenza e la spinta verso l’ incivilimento, che sono universali, hanno potuto così dispiegarsi anche nel nostro Paese.  
Consentendo ai governi Renzi-Gentiloni di costruire una strategia verso l’ immigrazione la cui eccellenza viene adesso riconosciuta in tutta Europa. 
   Tutto ciò non piace agli imprenditori della paura, che non sono solo i populisti e l’ estrema destra, ma  anche chi nella comunicazione produce a getto continuo mostri, allarmi gonfiati e catastrofi, facendoci perdere la fiducia in un mondo più decente.  
 
 
 
 
  • «
  •  Start 
  •  Prev 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  7 
  •  8 
  •  9 
  •  10 
  •  Next 
  •  End 
  • »


Page 1 of 39
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Sep 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Jan 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Jan 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Jan 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Jan 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Jan 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Jan 2015

Newsletter


Chi è Online

We have 248 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info