Una Nuova Strategia per l'Afghanistan (discussione)

E-mail Print PDF

Strasburgo, 13 giu. 2012

Il 12 giugno,  i deputati hanno interrogato l'Alto rappresentante agli Affari esteri Catherine Ashton sui risultati della nuova Strategia dell'UE in Afghanistan. Pubblico per i lettori del sito, il mio intervento nel corso della discussione.

Debate

Pino Arlacchi, a nome del gruppo S&D. – Signor Presidente, ho ascoltato attentamente la dichiarazione della Signora Ashton e non sono soddisfatto.
Signora Ashton, lei si è espressa al riguardo della Relazione sulla nuova strategia dell'UE per l'Afghanistan come se fosse stata redatta un paio di settimane fa. Stiamo parlando di un rapporto che è stato approvato dal Parlamento nel dicembre del 2010, perciò avrei preferito sentirla parlare di come esso sia stato implementato in quest’ultimo anno e mezzo.

Ha ampiamente discusso di cose che è necessario fare in Afghanistan, alcune di esse assolutamente giuste e ragionevoli, ma non ha parlato dei due maggiori problemi presenti nel mio rapporto: innanzitutto del processo di pace che rappresenta un punto cruciale per il futuro del paese, specie in questo momento di transizione.

Il secondo problema è quello relativo alle droghe: l’unico riferimento che lei ha fatto al riguardo è stato quando ha affermato che la coltivazione del grano non può risolvere da sola il problema. Certamente, nessuno avrebbe potuto dissentire da questa affermazione. Il rapporto conteneva una richiesta molto dettagliata per un piano quinquennale finalizzato all'eliminazione delle colture di oppio attraverso uno sviluppo alternativo. Questo piano non è mai stato attuato; era urgente due anni fa e lo è ancora di più adesso che la produzione di oppio continua ad aumentare.

Avevamo anche costruito una collaborazione con la Federazione Russa - la maggiore vittima, assieme all’Europa, dell’oppio afghano – e sviluppato idee e programmi. La Russia era pronta a finanziare, co-finanziare assieme all’Europa, un piano per eliminare la produzione di oppio. Alla fine non è stato fatto nulla, non abbiamo mai ricevuto dal suo ufficio alcuna risposta a questa proposta.

Queste sono le ragioni per cui non sono soddisfatto.

[source:www.europarl.europa.eu]

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 251 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info