Afghanistan: Arlacchi (UE), "Processo di pace in corso ma sprechi negli aiuti"

E-mail Print PDF

(Agenzia Sir) - Strasburgo, 11 mar. 2010

Il Parlamento europeo esorta il Consiglio e la Commissione ad “accrescere sostanzialmente le risorse” per l’Afghanistan “ai fini della credibilità e della visibilità della priorità civile dell’Unione europea agli occhi sia dei cittadini afgani sia dei partner internazionali”. L’Assemblea del 27, nell’ambito dei lavori che sta dedicando alla politica estera, prende posizione sulla situazione del paese mediorientale, dove vede impegnati alcuni Stati membri per le operazioni di peacekeeping mentre si opera sul piano degli aiuti umanitari e della ricostruzione. “A Kabul e nel paese ho visto camminare, pur fra tante difficoltà, il processo di pace”, spiega Pino Arlacchi, eurodeputato italiano, incaricato di visitare l’Afghanistan e di redigere una relazione sul tema.

“Il presidente Karzai ha avviato un dialogo con tutte le parti, talebani compresi, mentre sul tavolo ci sono diversi problemi urgenti”. Arlacchi sottolinea “l’imperativo di definire un piano per l’eliminazione delle colture di oppio”, e su questo punto si svolgerà un incontro internazionale al Parlamento Ue il prossimo 14 aprile. “È poi necessario provvedere alla formazione della polizia, una forza di almeno 100mila uomini, che, in collaborazione con l’esercito, possa un domani prendere il controllo del paese, consentendo il ritiro delle truppe estere”

Dalla sede dell’Europarlamento, il capo della delegazione in Afghanistan denuncia poi “lo spreco e la corruzione che contraddistingue gli aiuti internazionali”. Arlacchi presenta alcuni casi e cifre che ha posto all’attenzione dei deputati europei. “In 8 anni sono arrivati a Kabul 40 miliardi di dollari, ossia 5 miliardi l’anno, che corrisponde alla metà del Pil nazionale. Eppure solo il 70-80% di questi soldi è stato effettivamente speso per la popolazione. Il resto è stato sprecato gonfiando i costi delle opere, pagando consulenze a prezzi elevatissimi. In Afghanistan la gente spesso fa la fame o non ha di che curarsi”. Ma la popolazione come vive la situazione? “La gente è stanca della guerra e della presenza militare di altri paesi – spiega Arlacchi al SIR -. Eppure ci si rende conto che il paese non può essere lasciato al conflitto interno. Nel Parlamento sono presenti persone di buona volontà e che cercano la pace, accanto a signori della guerra. Karzai è in mezzo”. “A fine aprile – riprende l’eurodeputato – si terrà una grande assemblea nazionale, in cui parteciperanno tutte le parti in causa, talebani compresi. Bisognerà anche tener d’occhio la posizione del Pakistan, che continua ad avere un’influenza pesante sul paese vicino”.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 143 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info