Afghanistan: Voto; Arlacchi, vergogna ad uso Occidentali

E-mail Print PDF

(ANSA), 30 ago. 2009 "Le elezioni presidenziali afghane sono state presentate dai media e dalle organizzazioni internazionali come un successo della democrazia, ma in realtà sono state una vergogna a causa della mancanza di supervisione, e dei brogli e delle violenze che le hanno accompagnate". E' quanto sostiene, in una nota, l'europarlamentare di Italia dei valori Pino Arlacchi.

Secondo Arlacchi, autore, come ex direttore esecutivo del Programma antidroga dell'ONU, di un piano per l'eliminazione delle colture di oppio dell'Afghanistan, "in nessun Paese del mondo si sarebbe tollerata una indegna messa in scena come quella prodotta dal governo Karzai in questi giorni. Se non si fosse trattato di un Paese occupato da truppe occidentali, sarebbe bastata una frazione delle violazioni che si sono verificate per far gridare allo scandalo".

"La Commissione elettorale centrale - sostiene ancora Arlacchi - tutto ha fatto tranne che garantire il rispetto delle leggi perché è una semplice emanazione di Karzai. Il corpo elettorale è stato gonfiato con tre milioni di 'nuovi votanti', pari al 17% del totale, permettendo agli uomini di ritirare le tessere elettorali di parenti di sesso femminile inesistenti. In molti distretti la percentuale delle donne che hanno votato è inferiore al 5% ed i capi tribali sono stati minacciati di rappresaglie nel caso di voti affluiti al candidato sbagliato, cioé anti-Karzai. Il sequestro delle schede e dei seggi, l'intimidazione degli elettori, la minaccia di violenza fisica contro gli avversari durante la campagna elettorale hanno fatto inorridire tutti gli osservatori indipendenti presenti sul posto. Per non parlare dei 30 morti nei giorni delle elezioni".

"In realtà, la votazione - conclude Arlacchi - non ha riguardato gli afghani, ma doveva servire a convincere gli elettori di Parigi, Roma, New York e Londra che i loro governi non stavano sprecando il sangue dei soldati ed i fondi dei contribuenti intervenendo in una guerra civile a migliaia di chilometri da casa".

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 276 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info