Pino Arlacchi spegne la paura - "Ma Bari non è al centro delle rotte del terrore islamico"

E-mail Print PDF

Intervista all'esperto di crimine internazionale.

Gazzetta del Mezzogiorno, 13 mag. 2009
di Gianluigi De Vito

"In un'economia globalizzata, in ogni porto dove si registrano scambi marittimi in crescita esistono rischi di traffici illegali e di transiti illeciti. Mi meraviglierei se Bari e il suo porto non corressero questi rischi, ma il rischio è in una percentuale nella media rispetto agli altri porti. Non vedo problemi particolari".

 

Il paradigma di Pino Arlacchi è chiaro. Non sono gli arresti di due stranieri che devono far lievitare la paura. Sarebbe un inganno. Ne ha parlato a lungo nell'ultimo suo libro (appunto L'inganno e la paura. Il mito del caos globale) il sociologo di origine calabrese che ha scalato i vertici dell'Onu (dal 1997 al 2002 è stato vicesegretario generale delle Nazioni Unite e direttore esecutivo del Programma per il controllo delle droghe).

 

E' una autorità in tema di sicurezza umana, non solo perchè tra il 2006 e il 2008 era uno dei tre esperti chiamati dalla Repubblica popolare cinese a pianificare la sicurezza dei Giochi Olimpici del 2008, ma anche perchè nel 2004, su incarico della Commissione europea, Arlacchi ha redatto il progetto della agenzia antiriciclaggio del Kosovo. E nel 2001, a Palazzo di Vetro, fu uno dei registi del contrasto della produzione di oppio ed eroina in Afghanistan, il paese che fornisce quasi tutta la droga consumata in Europa. La chiacchierata con Arlacchi, 58 anni, parlamentare per due legislature ed ex vicepresidente della Commissione bicamerale antimafia, muove dalla cronaca. E cioè dal fatto che ieri è stato notificato un ordine di carcerazione per terrorismo internazionale a un franco-siriano di religione islamica e a un francese convertito all'islam: sono in carcere a Bari da novembre scorso, quando, dopo essere stati sorpresi su un camper, furono arrestati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. C'è il sospetto, secondo i magistrati, che assieme ad altri undici stranieri abbiano costituito una cellula di Al Qaida in Europa. E Bari potrebbe risultare uno scalo amico per i Signori del terrore. Professore, il capoluogo pugliese è attraversato dalla presenza terroristica. Guai a sottovalutare, no? "Ma non credo, dalle notizie sommarie, che due favoreggiatori di clandestini possano essere terroristi. Un terrorista fa il terrorista, non fa altri traffici". Però i porti sono i luoghi dove si svelano "gomorre" e giri colossali delle holding del crimine. "I porti sono luoghi di transito e quello di Bari lo è da sette, otto secoli. Ma i media ci hanno abituato a notizie da profeti di sventura a basso prezzo che scatenano la paura con connessioni e collegamenti iperbolici. Il terrorismo islamico e di altra matrice hanno dimostrato di avvalersi di fonti prevalentemente diverse da quelle che gestiscono il traffico di vite. I network del traffico di vite possono servire per contrabbandare armi e droga,ma questo accade ovunque e da sempre. Un terrorista non va a rischiare il carcere viaggiando in un camper e favorendo ingressi clandestini". D'accordo,evitiamo la fobia dell'Islam... "...anche perchè notizie del genere hanno prodotto solo l'inflazione della paura". Ma vorremmo capire se Bari è una piattaforma girevole non solo per le economie legali che si sviluppano al di là dei Balcani. "Non abbiamo esempi di basi di grandi traffici. Bari e la Puglia non sono il centro nè della rotta del riciclaggio che ha il suo centro, non a caso, nel Kosovo,né è interessata più di tanto dalla lotta greca dell'eroina dell'Afghanistan". C'è chi guarda con sospetto alla forte crescita dell'islam anche in Puglia.Più moschee uguale più paure,purtroppo. "Più moschee uguale più preoccupazioni solo per i "concorrenti" cattolici o di altre fedi. Non vale altro".

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 227 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info