Afghanistan: una guerra sporca

E-mail Print PDF

www.e-ilmensile.it

Firenze, 11 sett. 2011, di Luca Galassi

“Sapere che esistono organizzazioni come quella di Gino Strada in Afghanistan è incoraggiante”.  Esordisce così l’europarlamentare Pino Arlacchi, nel suo intervento al meeting nazionale di Emergency a Firenze. Arlacchi, professore di sociologia, tra i fondatori della Dia, ha diretto l’unità anti-droga delle Nazioni Unite dal ’97 al 2002. Il suo mandato è coinciso con il contrasto all’attività del narcotraffico, ripresa in Afghanistan nel 2000, dopo il bando dei talebani. Arlacchi ha parlato degli orrori della guerra citando l’esperienza della psichiatria militare.

Arlacchi ha parlato degli orrori della guerra citando l’esperienza della psichiatria militare: “Ho letto di recente un volume straordinario, che parla dell’attività degli psichiatri militari. Ebbene, uno dei dati che emergono è che non esiste praticamente soldato impegnato in prima linea, che abbia ucciso un altro uomo, che sia tornato normale. Abbiamo diciotto suicidi al giorno negli Usa, tra i reduci delle guerre. L’otto percento della popolazione. Venticinque milioni di persone traumatizzate per sempre. La guerra è l’esperienza più devastante che un essere umano possa sperimentare. Questi studi contraddicono e distruggono l’idea che la guerra sia una cosa naturale, che la normalità dell’uomo sia in una condizione di guerra, perché la natura dell’uomo è una natura di aggressione e violenza e sopraffazione. Sono proprio i folli, gli psicopatici quelli che provano gusto a uccidere e a infliggere morte e sofferenza”.

Arlacchi ha sottolineato la necessità di trasformare la ribellione, la ripugnanza della guerra in un fatto politico e giuridico. “Una delle componenti fondamentali di questo processo di svalutazione è come l’Europa si muoverà, e poi tutto il mondo, in relazione alla questione dell’Afghanistan. E’ una guerra sbagliata, inutile, iniziata legalmente e poi trasformatasi in un pantano. Una guerra determinata dalla vendetta americana ai fatti dell’11 settembre. Dobbiamo uscirne con una strategia efficace. Io stesso ho proposto una via d’uscita basata su quattro pilastri. Il primo è la riforma dell’intervento civile internazionale. Nel corso di un’indagine su come la comunità internazionale è intervenuta abbiamo trovato un immenso spreco di risorse. L’80 percento degli aiuti non è andato alla popolazione. Miliardi di euro sono scomparsi. Anche perché metà del governo afgano è composto da banditi. La maggior parte dei fondi si perde nella corruzione ‘soft’, un processo interno alla macchina degli aiuti”.

Nella chiusura del suo intervento Arlacchi ha elogiato l’impegno di Emergency in termini di organizzazione e impiego delle risorse pubbliche. “Ogni anno in Afghanistan vengono sprecati cinque miliardi di euro. Con un bilancio annuale di 5 milioni di euro Emergency ha raggiunto il dieci percento della popolazione afgana”.

Professore, lei ha lavorato per contrastare la produzione e il traffico di droga in Afghanistan. Molti hanno visto nell’invasione e nell’occupazione un disegno per riattivare il business occulto della Cia del narcotraffico dopo il bando dei talebani nel 2000, come anche denunciato da Alfred McCoy, autore del libro The politics of heroin: Cia complicity in the global drug trade?

Penso che dagli anni ’60 e ’70 a oggi c’è stato un cambiamento notevolissimo, nel senso che l’illegalità e i soldi sporchi, e anche il terrorismo di Stato incarnato dalla Cia hanno fatto dei grandi passi avanti. I soldi dei narcotici che servivano alla Cia allora per fare operazioni clandestine nel Sud-Est asiatico sono oggi piccola cosa a fronte degli enormi capitali che il complesso militare-industriale americano ha tirato fuori nelle guerre in Afghanistan e Iraq. Di fronte alla spesa per i contractors, affidata a un gruppo di società di sicurezza composte sostanzialmente da delinquenti, le centinaia di migliaia di dollari degli anni ’60 sono – anche in proporzione – somme esigue di fronte ai miliardi di dollari che girano oggi. Soltanto sulla cosiddetta formazione della polizia e dell’esercito afgano, sono spariti 6 miliardi di dollari. Le tesi di McCoy, viste alla luce del giro d’affari odierno, fanno sorridere.
 

Fonte:

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 223 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info