Home » In the Press » Articles »

L'incubo della palude

E-mail Print PDF

l'Unità, 23 mar. 2011

l'Editoriale di Pino Arlacchi

Siamo in un momento molto delicato della crisi libica. A soli tre giorni dall´inizio dell´intervento militare, si impone un cambiamento di rotta.
Determinato da un problema di non poco conto: il rischio che anche questa volta vada a finire come in Iraq e in Afghanistan. Che si finisca cioè col venire risucchiati in una guerra vera e propria.

Se i bombardamenti sulla Libia non vanno verso una rapida conclusione, visto che sia il segretario alla Difesa che il capo di Stato maggiore americano hanno dichiarato che l´obiettivo di distruggere le difese antiaree di Gheddafi è stato raggiunto, la coalizione degli attaccanti rischierà di trovarsi al di fuori della copertura della risoluzione ONU. Nella zona dell´illegalità e dei potenziali crimini di guerra.
La risoluzione autorizza «l´uso di tutti i mezzi appropriati» per proteggere i civili e istituire la
no fly zone, ma non permette la guerra, né il rovesciamento o l'uccisione di Gheddafi, e meno che mai la distruzione di obiettivi non militari. E questa è da sempre la linea del Consiglio di Sicurezza.
Non dimentichiamo che neppure in occasione della prima guerra del Golfo del 1991 l'Onu autorizzò un cambiamento di regime ad opera di un intervento militare esterno. E il primo Bush si adeguò al mandato ricevuto, sconfiggendo Saddam Hussein ma astenendosi dal marciare su Baghdad e deporre il dittatore con la forza delle armi.
L'orientamento della comunità internazionale verso la crisi libica, inoltre, è cambiato. Dall'iniziale sostegno verso un intervento volto a fermare le stragi di civili che protestavano contro il regime di Gheddafi, si è passati alla disapprovazione dei raid aerei contro Tripoli perché essi hanno già provocato, e rischiano di provocare, proprio quelle vittime civili che dovevano evitare.
L'Unione africana, la Lega araba, la Cina, la Russia, la Turchia, la Germania, il Brasile, l'India ed una congerie di altre entità stanno chiedendo agli attaccanti e a Gheddafi di cessare l'uso della forza e lasciare spazio ad una soluzione negoziata.
È una buona idea, che Gheddafi deve essere costretto ad accettare. E che i leader franco-britannici devono sottoscrivere.
La strada da percorrere per facilitare la transizione democratica della Libia deve essere coerente con l'essenza della democrazia stessa, che è il metodo della nonviolenza. È per questo che lo zelo della Francia e della Gran Bretagna nel proteggere i diritti umani negati da una tirannia alla quale fino a poche settimane prima vendevano armi in cambio di petrolio non ha convinto nessuno.
Lo spettacolo dei
Mirage francesi che colpiscono altri Mirage di proprietà libica, allo scopo magari di farseli ricomprare alla fine delle ostilità, non è stato molto edificante. Come non edificante è stato il ricordo della recente visita del primo ministro Cameron alla fiera delle armi tenutasi ad Abu Dhabi, allo scopo di vendere gli ultimi ritrovati della repressione (Eurofighters e simili) agli emirati medievali del Golfo.
Vale a dire ai prossimi candidati del cambiamento democratico in corso.
Sarebbe un grave errore, infine, non lasciare alcuna via d'uscita a Gheddafi. Il colonnello si è rivelato più forte, per potenza militare ed appoggio dal basso, di quanto molti abbiano pensato. L'opposizione al suo regime, per converso, si è dimostrata debole e poco radicata.
Ma l'appoggio internazionale ai ribelli può fare la differenza e creare una situazione che obblighi il tiranno a trattare. È bene quindi, in un momento successivo, lasciare alle dinamiche interne ed a quelle regionali la ricerca degli sviluppi più opportuni. Riservandosi comunque di intervenire con la forza, in nome della risoluzione ONU, in ogni situazione nella quale sia necessario proteggere le vite dei cittadini libici minacciati.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 363 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info