Narcos, assalto all'Europa (via Calabria)

E-mail Print PDF

Messico-Calabria, prove di alleanza. Nel mirino anche Russia e Asia.

Avvenire, 19 gen. 2010

di Lucia Capuzzi

Con quattro milioni di nuovi consumatori soltanto nell'ultimo anno, il Vecchio Continente è un mercato molto interessante, proprio nel momento in cui la penetrazione negli Usa si fa sempre più complicata.

Ancora si tratta di 'esami preliminari'. Piccoli test per sondare il terreno, cal­colare i rischi e le possibilità di e­vitarli. A breve, però, si potrebbe passare alle prove generali. E quin­di al debutto dei narcos messica­niriuniti nei cosiddetti cartelli – in Europa. Quest’ultima rappresenta un mer­cato 'interessante' per i trafficanti centroamericani. Con quattro nuo­vi milioni di consumatori nell’ulti­mo anno, di cui un terzo giovani tra i 15 e i 34 anni, il Vecchio Continen­te offre loro buoni margini di gua­dagno. Una prospettiva ancor più allettante ora che la penetrazione nella 'piazza' statunitense s’è fatta più difficile. Per due ragioni. Primo, la concorrenza tra i diversi cartelliundici organizzazioniè spietata: tutti vogliono accaparrarsi 'la li­nea', il redditizio corridoio nella frontiera Usa attraverso cui filtra la droga. Il confine, però – e questa è la secondo motivazione dell’atten­zione per il territorio europeoè sempre più blindato. Le autorità di Washington, terrorizzate all’idea che la violenza narco si estenda a Nord del Rio Bravo, hanno schiera­to lungo i tremila chilometri tra i due Stati ben 30mila agenti. In media, 10 funzionari per chilometro qua­drato. Non che questi siano riusciti ad arginare il traffico. Il Nordame­rica resta il 'business' principale per i narcos. Che esplorano, però, giri d’affari integrativi, non alterna­tivi.

L’Europa, appunto. Dove proprio ie­ri a Madrid la polizia spagnola ha smantellato il più grande laborato­rio di cocaina del continente (300 chili di droga e 33 tonnellate di pro­dotti chimici sequestrati, svariati milioni di euro in contanti, 25 arre­sti). O meglio le Europe: quella Oc­cidentale, col suo già consistente 'bottino' di consumatori, e quella Orientale, ancora poco sfruttata. La cocaina qui non è una droga di mas­sa. Almeno secondo le recenti sti­me dell’Osservatorio europeo sulle droghe e le tossicodipendenze (Oedt), basate sulle quantità di stu­pefacenti sequestrate 'a est di Vien­na'. Solo negli ultimi anni, queste si sono fatte significative. Il Vecchio Continente è, inoltre, la porta per l’Asia. «Quest’ultima, la Russia e l’A­frica sono i nuovi mercati in espan­sione. È naturale che i narcos mes­sicani vogliano entrare nell’affare», spiega Piero Innocenti, dirigente della polizia ed ex agente di colle­gamento in Colombia, che ha de­scritto le nuove rotte mondiali de­gli stupefacenti nel libro Narcostati in America Latina , pubblicato da Berti. Per aprirsi un varco in Euro­pa, i cartelli messicani realizzano alleanze con i gruppi criminali lo­cali.

Una strategia innovativa rispetto a quella adottata negli Stati Uniti. Qui, i narcos sono soliti formare 'suc­cursali' criminali che si occupano della distribuzione. Queste non hanno libertà operativa: sono 'am­ministrate' dai vertici dell’organiz­zazione. Al di là dell’Atlantico, inve­ce, si applica la divisione del lavo­ro: i centroamericani si occupano di far arrivare la droga, le mafie eu­ropee la fanno entrare e la spaccia­no. «Questo perché – afferma Lau­rent Laniel, esperto dell’Oedt – non hanno una presenza strutturata in Europa. Creare cellule richiedereb­be eccessive risorse. È più conve­niente appoggiarsi ai delinquenti già presenti e alle loro collaudate re­ti di distribuzione». Così si rispar­mia tempo, denaro e, soprattutto, si eludono con più facilità i controlli. «I cartelli messicani vogliono sosti­tuirsi ai colombiani nel dominio della rotta europea – aggiunge In­nocenti. – Fatto naturale, dato che ormai questi ultimi hanno perso slancio e potere in America Latina. Sono 'cartelitos', cioè piccole organizzazioni, come di dice a Bo­gotà».

Anche per quanto riguarda il tra­sporto della droga, i narcos cen­troamericani inventano soluzioni ingegnose. In genere, la coca – pro­dotta in Colombia, Bolivia e Perù – attraversa l’Atlantico su grosse na­vi da carico. E raggiunge i porti eu­ropei seguendo tre diversi percorsi. La rotta nord – quella più usata, vi passa oltre il 40 per cento della co­ca destinata al Vecchio Continente – prevede tappe ai Caraibi e alle Az­zorre. E si conclude negli scali por­toghesi e spagnoli, principale 'pun­to di ingresso', insieme a quelli di Belgio, Paesi Bassi, Gran Bretagna e Italia. La 'via del sud', invece, pas­sa per Capo Verde o Madeira e le Ca­narie. Infine, negli ultimi anni, si è affermata la 'rotta africana': in que­sto caso il trampolino è l’Africa oc­cidentale. Paesi con governi insta­bili e povertà diffusa come Benin, Gambia, Ghana, Guinea, Nigeria, Sierra Leone, Togo e Mauritania, of­frono ai narcos buone possibilità di trovare 'coperture' per i loro traffi­ci illeciti.

I recenti maxi sequestri lungo le co­ste africane hanno spinto, però, i messicani a puntare sul trasporto aereo. Mediante lo stratagemma delle 'Aerolinas cocaina'. Data la crisi delle linee aeree sudamerica­ne, i trafficanti acquistano vettori passeggeri – non i classici biposto – a basso prezzo e li utilizzano per portare la coca in Europa. La tecni­ca è venuta alla luce nel novembre 2009, in seguito alla scoperta, nel deserto del Mali, di un Boeing 727 incendiato e proveniente dal Ve­nezuela. Sempre più spesso, i­noltre, gli stupefacenti ven­gono portati su normali vo­li di linea nelle valigie dei corrieri. Per renderla 'in­visibile', la sostanza – in forma di 'pasta di coca' o cloridrato – viene mescolata a prodotti legali che han­no la capacità chimica di occultar­la. Come il cacao in polvere, il li­quore di cioccolato, la cera d’api. Nonostante la fervida inventiva, al­cuni esperti sono scettici sul 'salto europeo' dei messicani. «Per 25 an­ni i colombiani hanno cercato di as­sumere la leadership nel mercato europeo – racconta Pino Arlacchi, sociologo ed ex direttore dell’agen­zia Onu sulla droga (Unodc) – con esiti però modesti. Mi sembra im­probabile che ora possano riuscir­ci i cartelli messicani, molto violen­ti ma poco coesi. Nessuno di loro ha una macchina organizzativa pa­ragonabile al gruppo di Cali o di Me­dellin ». C’è poi il problema del 're­ferente europeo': con chi allearsi? Se i colombiani potevano appog­giarsi a grandi gruppi criminali lo­cali, ora questi ultimi si sono fram­mentati. «Ci sono tante piccole ban­de, formate spesso da incensurati, meno visibili agli occhi delle auto­rità – conclude Arlacchi – anche per­ché hanno scelto di ridurre al mini­mo la violenza». L’esatto opposto dei narcos messicani.
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 1397 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info