Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

E-mail Print PDF

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini. 

Roma, 21 gen. 2015

di Pino Arlacchi

Non sarà la fine del mondo né dell’ Unione europea se Syriza vince le elezioni di domani. La sua vittoria, al contrario, ci sarà di grande aiuto. Perché metterà fine una volta per tutte alla politica suicida dell’ austerità e faciliterà quella svolta a sinistra del progetto europeo che è la sua unica via di salvezza.
Syriza non è un partito antieuropeo né antieuro. La sua forza è proprio quella di essere europeista nel senso più genuino, che è quello di considerare il progetto europeo come un mezzo e non un fine. Come uno strumento di emancipazione dei suoi cittadini e non come un feticcio. Un progetto che non può essere riformato anche quando il suo distacco dai cittadini è divenuto enorme, e per i più deboli anche pericoloso, come appunto nel caso della Grecia.

I cittadini dell’ Europa non sanno cosa farsene di una associazione tra stati, l’ Unione europea, che ha un bilancio di 130 miliardi euro e non sa dare una risposta seria a un problema perfettamente risolvibile come quello della disoccupazione giovanile. Una Unione che non ha una vera politica estera, e segue come una pecorella gli americani sul Medioriente, la Russia, l’ Iran, la NATO, l’ ONU, i Balcani. Cioè tutte le priorità che dovrebbero essere sue. E la cui stella polare dovrebbe essere l’ interesse dei suoi 28 membri, e non quello degli Stati Uniti che spesso diverge dal nostro. Interesse europeo che in certi casi, come quello della crisi ucraina e dei rapporti con la Russia, viene calpestato in modo oltraggioso.
Syriza critica una Unione che ha creato una moneta comune, evvero, ma non sa creare il retroterra istituzionale e la cooperazione di cui l’ euro ha bisogno. Syriza vuole la Grecia dentro l’ Unione e dentro l’ euro. Ma non a costo di proseguire la distruzione del paese. Tsipras sa bene che i governi greci precedenti hanno prima imbrogliato sui conti ed usato le risorse europee per foraggiare le loro clientele, e poi hanno subito la crudele punizione di Bruxelles scaricandone il peso sui cittadini più indifesi.
Tsipras ha una proposta di uscita dalla crisi che prima di essere di sinistra è semplicemente ragionevole. Vuole rinegoziare e ridurre il peso di un debito che si è formato non solo per l’ irresponsabilità dei debitori ma anche per l’ avidità e la sconsideratezza dei creditori. Un debito, tralatro, che tutti sanno che non potrà mai essere ripagato.
Syriza chiede che la Grecia venga trattato come uno stato sovrano. Vuole che il suo paese cessi di essere vittima del bullismo della Troika, un ente che non è stato eletto da nessuno e che pretende di governare una repubblica democratica di 10 milioni di persone con diktat, email ed umilianti intromissioni nella sua vita interna.
Il successo di Syriza aiuterà anche noi italiani a creare un’ Europa più democratica e più vicina al cuore dei suoi cittadini.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Jan 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Jan 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Jan 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Jan 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Jan 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Jan 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Jan 2015

Newsletter


Chi è Online

We have 189 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info