Controllo dei prezzi dei beni che soddisfano bisogni primari negli aeroporti

E-mail Print PDF

22 July 2010

A seguito di un attentato con esplosivo liquido, sventato all’aeroporto londinese di Heathrow quattro anni fa, è stato adottato un regolamento comunitario (regolamento (CE) n. 1546/2006, del 4 ottobre 2006)(1), la cui scadenza era prevista ad aprile 2010. Esso consente di portare con sé, a bordo dell’aereo, un massimo di 10 flaconi della capacità di 100 millilitri, una limitazione che da tempo snerva i viaggiatori e provoca notevoli disagi.

La Commissione europea ha deciso di prorogare il regolamento fino al 2012 per i grandi aeroporti e al 2014 per gli altri, perché le nuove tecnologie non permettono ancora di identificare gli esplosivi liquidi con sufficiente certezza.

Considerando che il regolamento comunitario in vigore impedisce ai viaggiatori di superare i controlli di sicurezza in possesso di sostanze liquide contenute in recipienti con capacità superiore a 100 millilitri, visto l´articolo 169 (ex articolo 153 del TCE) del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea; considerando che l'articolo 12 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea recita: «Nella definizione e nell'attuazione di altre politiche o attività dell'Unione sono prese in considerazione le esigenze inerenti alla protezione dei consumatori»;

  1. Ritiene la Commissione che, anche se non sono violate le norme antitrust dell'UE, la situazione che si è venuta a creare limita fortemente la scelta del consumatore, il quale non può rivolgersi a fornitori esterni e che questa situazione facilita una concorrenza ristretta all'interno dello stesso aeroporto, che falsa il livello dei prezzi?
  2. Ritiene la Commissione che, al fine di tutelare i viaggiatori (cittadini e consumatori europei) sia necessario garantire prezzi moderati e concorrenziali per i beni che soddisfano bisogni primari, ad esempio l'acqua, nei distributori automatici e nei bar situati oltre i controlli di sicurezza degli aeroporti?

(1) GU L 286 del 17.10.2006, pag. 6.

 

Interrogazione con richiesta di risposta scritta alla Commissione Articolo 117 del regolamento Vincenzo Iovine (ALDE) e Pino Arlacchi (ALDE)

 

Risposta (e)

[source: www.europarl.europa.eu]


 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 288 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info