Gioia Tauro, Stati Generali del Porto

E-mail Stampa PDF

"Zona Economica Speciale: opportunità e prospettive". Sarà il tema centrale della II Edizione degli Stati Generali di Gioia Tauro che si svolgerà venerdì 13 dicembre nella Sala Fallara del Comune di Gioia Tauro dalle ore 10 alle 19.

L'iniziativa, promossa dall'europarlamentare Pd Pino Arlacchi e dai sindaci dei Comuni di Gioia Tauro, Renato Bellofiore, di Rosarno, Elisabetta Tripodi, e di San Ferdinando, Domenico Madafferi, ha come obiettivo proseguire il tavolo di confronto tra cittadini e istituzioni avviato lo scorso anno, e verificare l'attuazione del "decalogo" di impegni sottoscritti nell'ambito della prima edizione: oltre alla creazione della Zona Economica Speciale, l'istituzione dello Sportello unico investitori per l'area retro portuale, la promozione internazionale del porto e del retro-porto, il riconoscimento del ferro-bonus e sistemi incentivanti per l'area retro portuale, le revisioni delle concessioni agli operatori dell'area portuale, l'eliminazione del vincolo ambientale sull'area industriale, la realizzazione del gateway ferroviario e delle infrastrutture portuali e ferroviarie previste dall'APQ (Accordo di Programma Quadro) per Gioia Tauro, la realizzazione di tariffe ferroviarie più competitive da parte di RFI (Rete Ferroviaria Italiana), l'istituzione di un referente unico interministeriale presso la Presidenza del Consiglio, la certificazione di sicurezza interna ed esterna realizzata da UNICRI (Istituto internazionale della Nazioni Unite per la ricerca sul crimine e la giustizia).

«Le condizioni commerciali favorevoli dei porti nordafricani - dichiara Pino Arlacchi - stanno incrementando il rischio di una marginalizzazione dei porti europei, specialmente quelli del Sud del Mediterraneo più esposti geograficamente alla concorrenza degli scali extraeuropei».

«Pertanto - prosegue Arlacchi - è necessario allineare lo standard generale degli scali europei allo stesso livello dei loro concorrenti, attraverso la creazione di "Zone Economiche Speciali", uno strumento che si è rivelato il più efficace per la crescita dei porti di transhipment non europei e delle loro aree logistiche e industriali».

«A questo proposito, ho preparato, insieme ad altri dieci eurodeputati, un'interrogazione che sarà presentata domani al Consiglio e alla Commissione europea sulla promozione dello strumento ZES per accrescere la competitività degli scali europei, e per chiedere se condividono l'importanza di questo strumento anche per incrementare l'indotto industriale e i livelli occupazionali nei territori interessati», conclude Arlacchi.

Dopo il saluto dei sindaci di Gioia Tauro, Rosarno e San Ferdinando, prenderanno il via i lavori.
È prevista la partecipazione del Vice Ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Vincenzo De Luca.

La giornata sarà articolata in due tavole rotonde. Nella prima sessione, dedicata appunto alla ZES, interverranno Antonella Stasi, Vice Presidente della Giunta regionale, Sandro Principe, Capogruppo PD al Consiglio regionale, Salvatore Silvestri, Segretario Generale Autorità Portuale di Gioia Tauro, Domenico Bagalà, Amministratore delegato Medcenter Container Terminal.

Per le organizzazioni sindacali: Andrea Cuzzocrea, Presidente Confindustria Reggio Calabria, Lucio Dattola, Presidente Camera di Commercio Reggio Calabria, Carmelo Cozza, Segretario Regionale SUL, Antonino Costantino, Segretario Generale CGIL Gioia Tauro, Giuseppe Zito, Segretario Generale UIL Reggio Calabria, Angelo Chirico, Responsabile UGL Reggio Calabria, Domenico Serranò, Segretario Generale CISL Reggio Calabria.

Anche quest'anno, un focus sarà dedicato alla sicurezza interna ed esterna del Porto. Il dibattito inizierà alle 15.30.
Parteciperanno: Vittorio Piscitelli, Prefetto di Reggio Calabria, Giuseppe Peleggi, Direttore dell’Agenzia delle Dogane, Giuseppe Creazzo, Procuratore della Repubblica di Palmi, Federico Cafiero De Raho, Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria.

Ultima sessione, alle ore 16, con gli interventi dei sindaci, dei rappresentanti del mondo della scuola e della società civile, e dei cittadini.

I lavori saranno moderati dall'eurodeputato Pino Arlacchi.
 

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 942 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info