Ingroia divide sinistra e magistratura

E-mail Print PDF

Pino Arlacchi, eurodeputato Pd, studioso di mafia: «Il fastidio della Boccassini nascondeva un giudizio preciso sull'operato di Ingroia a Palermo che in molti condividiamo. È stato un pm mediocre, proiettato in politica dai media che ne hanno fatto un'icona. Il paragone è sproporzionato. Sono lontani anni luce. Di lui in 18 anni nè Falcone, nè Borsellino mi hanno mai parlato. Il problema è che fa politica come faceva le inchieste».

Segnalo ai lettori di questo sito, l'articolo di Virginia Piccolillo sul Corriere della Sera del 1 febbraio 2013, con una mia dichiarazione su Antonio Ingroia.

Corriere della Sera, 1 febbraio 2013

Lo scontro D'Ambrosio: è vissuto con fastidio perché può far perdere il Pd. Arlacchi: "no, era un pm mediocre".

ROMA - Ora basta. «Bisogna chiudere questa pagina», dichiara Antonio Ingroia, leader di Rivoluzione Civile, sperando che cessino le polemiche per la citazione di Giovanni Falcone e delle critiche subite dai colleghi quando lasciò la procura di Palermo. Ma da «equivoco» o «manipolazione» - come l'ha definita lo stesso Ingroia, opponendosi a chi come Ilda Boccassini gli rinfacciava un paragone «inaccettabile» - la vicenda si è trasformata in questione politica che divide i cuori nella magistratura e nella sinistra.

«Troviamo inopportuni i richiami ai nomi di Falcone e Borsellino, sono patrimonio di tutti, del Paese e della legalità», precisa Rodolfo Sabelli presidente dell'Anm, invitando ad «evitare strumentalizzazioni». «Non ci devono essere polemiche tra magistrati. Io, del resto, ho risposto solo a chi mi ha attaccato», ammette Ingroia e parla d'altro. Ma c'è chi continua, come Nichi Vendola («sgradevole strumentalizzare l'antimafia»). E chi va oltre. Europa titola sullo «sfascio del partito dei giudici». E il Manifesto censura «il gioco al massacro tra Vendola e Ingroia» e «la sinistra autolesionista che si esibisce nella sceneggiata da talk-show». Valentino Parlato avverte: «Queste polemiche sono lo specchio della crisi grave che investe la sinistra oggi: stanno litigando danneggiandosi reciprocamente. La vera crisi è di analisi. Marx fece il Manifesto del partito comunista , ma per quanto studiò? Le liti tra Bersani, Ingroia, Vendola, nascono perché ognuno si aggancia alla situazione contingente. Per questo vengono tirati in mezzo anche Falcone e Borsellino. Purtroppo la cura non ce l'ho, ma ne ho viste tante in più di 80 anni e sento che la malattia è molto grave». Per Gerardo D'Ambrosio, ex del Pool di Milano e senatore Pd, «non c'è mai stato un partito dei giudici, quindi dov'è che si spacca? C'è stato un battibecco fra due magistrati fra i quali, evidentemente, non corre buon sangue - spiega -. E poi candidarsi è una cosa un po' diversa dall'andare al ministero a creare la superprocura con cui Falcone avrebbe proseguito la lotta alla mafia». «Certo - aggiunge - obiettivo della politica è stato spesso difendere i potenti. Anche intervenendo con leggi, come quella contro le intercettazioni a cui abbiamo resistito perché eravamo diversi magistrati, ora devo constatare purtroppo che ne sono stati ricandidati ben pochi. Ma per la legalità non si fanno rivoluzioni: si applica». Anche per D'Ambrosio, però, «Ingroia viene vissuto con fastidio per il fatto che si presenta al Senato dove il Pd è in bilico. E magari lo fa perdere nelle 4 regioni in forse». Anna Finocchiaro, presidente del Pd al Senato, invitando a non «far campagna elettorale sulla memoria di personalità che tanto hanno dato al Paese», un po' lo dice: «Ingroia sa qual è stato il ruolo negativo del centrodestra. Chi ha a cuore la giustizia deve evitare il ritorno suo e di Berlusconi. Per questo penso che Ingroia, a presentarsi al Senato in Lombardia, compia un errore». Per Donatella Ferranti (Pd), «Ingroia non può pensare di essere il più legalitario». Ne è convinto anche Pino Arlacchi, eurodeputato Pd, studioso di mafia: «Il fastidio della Boccassini nascondeva un giudizio preciso sull'operato di Ingroia a Palermo che in molti condividiamo. È stato un pm mediocre, proiettato in politica dai media che ne hanno fatto un'icona. Il paragone è sproporzionato. Sono lontani anni luce. Di lui in 18 anni nè Falcone, nè Borsellino mi hanno mai parlato. Il problema è che fa politica come faceva le inchieste». «Non si è paragonato a Falcone - insiste Antonio Di Pietro - era un discorso esemplificativo di una critica ingiusta che si fa ai magistrati che scelgono un'altra via. Un equivoco».

Virginia Piccolillo

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 283 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info