Anche Arlacchi smentisce Misiti

E-mail Print PDF

L'europarlamentare critico verso il segretario regionale del partito per i giudizi sulla Regione: «Il centrosinistra ha fallito, occorre un ricambio della classe dirigente». Sul dimissionario Misiti: «La sua è una posizione inspiegabile»

Il Quotidiano della Calabria, 29 giu.2009

di Michele Albanese

«Non c'è alcuna polemica, c'è solo una posizione inspiegabile di Aurelio Misiti». Commenta così l'europarlamentare gioiese Pino Arlacchi. Il terremoto che sta investendo l'Italia dei Valori dopo l'intervista concessa al Quotidiano da Aurelio Misiti. «Noi - spiega Arlacchi, prendendo le distanze dal dimissionario segretario regionaie del partito – l'abbiamo sempre detto che alle prossime elezioni regionali occorre puntare su una grandissima operazione di rinnovamento. Ecco perché le dichiarazioni di Misiti appaiono del tutto personali e assolutamente controtendenza rispetto a quello che il partito pensa».

REGGIO CALABRIA - «Non c'è alcuna polemica, c'è solo una posizione inspiegabile di Aurelio Misiti». Taglia corto il neo europarlamentare di Italia dei Valori, il gioiese Pino Arlacchi, sul terremoto che sta investendo il suo partito dopo l'intervista che l'ormai dimissionario segretario regionale di Idv ha concesso al Quotidiano sulla quasi scontata candidatura da parte di Agazio Loiero alle regionali del prossimo anno. «Noi, - premette Arlacchi, prendendo le distanze dall'ex presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici – l'abbiamo sempre detto che alle prossime elezioni regionali occorre puntare su una grandissima operazione di rinnovamento. Ecco perché le dichiarazioni di Misiti appaiono del tutto personali ed assolutamente in controtendenza rispetto a quello che iI partito pensa sulla situazione in cui si trova la nostra regione. La Calabria è in condizioni pietose. A partire dalla sanità». Proprio su questo punto Arlacchi affonda il suo attacco a Loiero ma anche a Marco Minniti. «Ma come si fa ad affermare - spiega l'europarlamentare - come fanno iI presidente della giunta regionale e lo stesso Marco Minniti che l'annunciato commissariamento di questo settore sia un provvediinento punitivo per la Calabria e i calabresi. Un settore nel quale convivono strani intrecci affaristico-mafiosi che devono assolutamente essere rimossi. Se Ia gente scappa per curarsi altrove, se i servizi sono carenti e se c'è un buco grande come una montagna, come si fa a bollare come punitivo il provvedimento del governo. Chiaro the lo sfascio della sanità calabrese va anche al di là di Loiero e trovale radlci negli anni anteriori dell'attuale governo regionale anche se lui - sottolinea - è ormai Iì da quattro anni e solo adesso ha adottato provvedimenti che non possono essere che tardlvi. Il vero problema - rilancia Arlacchi - è che questa classe dirigente e quelle precedenti hanno fallito portando la sanità alla bancarotta. Per questo motivo la posizione di Misiti è stupefacente. Voglio ricordare a chi l'ha dimenticato che nella nostra regione vi sono stati omicidi eccellenti e mi riferisco a quello del vicepresidente del consiglio Franco Fortugno maturato sullo sfondo la sanità calabrese. Già dimenticata - si chiede ancora Arlacchi - Ia relazione venuta fuori sull'Asl di Locri dopo l'omicidio di Fortugno?». Giusto, quindi, per Arlacchi, il commissariamento della sanità calabrese, anche se tiene a chianire come II provvedimento minacciato del governo nazionale: «non è legato a vicende poiltiche o di schieramento perché qualsiasi persona corretta di fronte ad uno sfascio del genere prenderebbe una posizione come quella che ha preso Sacconi».

Insomma le vedute diverse all'interno di Italia dei Valori continuano a dispiegarsi con estrema virulenza. «Il problema non è De Magistris - attacca ancora Arlacchi - perché davanti alla crisi nella quale si trova la Calabria non si può non pensare di attivare e subito correttivi tivi efficaci che risanino la sanità e rilanciano un nuovo progetto di governo. E il primo di tutti è il completo rinnovo della classe dirigente rimuovendo coloro che hanno governato la regione nelle ultime legislature legati ad intrecci affaristici e comitati d'affari. Proprio la Calabria e la Campania rappresentano l'idea del fallimento dei governi che si sono succeduti.» Poi Arlacchi torna su Misiti e ribadisce: «E' una persona per bene. Proprio per questo mi sono meravigliato della sua uscita. Ie sue valutazioni contraddicono il pensiero di tutto il partito. Le questioni di fondo su cui stiamo discutendo rappresentano la premessa di base con cui noi di Idv vogliamo rilanciare in Calabria una nuova idea di governo. E se dicendo queste cose abbiaano raddoppiato i voti vuol dire che siano sulla strada giusta. Da calabrese eletto in Calabria ritengo - conclude Arlacchi - che per cambiare positivamente la nostra regione, la società civile debba fare una vera e propnia irruzione in politica, spazzando via quegll strani equilibri costruiti sugli affari e sui comitati di interesse trasversali nella pubblica amministrazione».

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 274 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info