«Togliere i fondi Ue alle Regioni»

E-mail Print PDF

Proposta shock dell’europarlamentare del Partito Democratico Pino Arlacchi

Il Quotidiano della Calabria, 21 set. 2013

di Bruno Gemelli

CATANZARO – Nella “traversata” di Fabrizio Barca, nel suo viaggio alla ricerca di buone pratiche che salgono dal basso e mettono a fattor comune delle istituzioni le intuizioni dei territori per fare modelli di sviluppo, l’economista mette una precondizione. La rivoluzione della pubblica amministrazione come passaggio obbligato per rimodernare il sistema-Paese. Nella realtà calabrese l’ex ministro fa leva su attenzione/rivalutazione delle aree interne che costituiscono l’80 % del territorio calabrese. Prevalentemente
montano e collinare e, quindi, soggetto, al suo progressivo spopolamento. Occorre anche ricordare che la Calabria ha un patrimonio forestale di oltre 550.000 ettari di bosco, eppure è una regione che non ha una industria del legno, una filiera complessiva legata al ciclo del legno.Questo per noi potrebbe essere un grande setto- re di crescita. La Calabria è una terra, inoltre, che ha la presenza di diversi biotipi forestali autoctoni, come il pino laricio cosentino, il pino loricato del Parco del Pollino e molte altre specie in Sila, nelle Serre, sull’Aspromonte. Tornando a Barca, egli oggi chiama il Pd a fare attenzione sul tema delle aree interne. Un tema che trova orecchie sensibili nel partito. Per esempio nell’europarlamentare Pino Arlacchi il quale questa sera concluderà a Gerocarne, nelle serre vibonesi, un convegno che ha per tema “Fondi europei e risorse locali, leve della rinascita del Mezzogiorno”; organizzato dai circoli locali e dall’onorevole Brunello Censore.

Sul tema dello smarrimento di una diaspora socio-economica Arlacchi dice: «Sono i cittadini a pagare per primi se i fondi europei non vengono spesi o sono spesi male. Ci lamentiamo della disoccupazione, ma se la Calabria riuscisse a utilizzare tutte le risorse messe a disposizione dall'Europa, si potrebbero creare 400mila posti di lavoro». Aggiungendo: «È inammissibile che una regione come la Calabria, con una storia millenaria e un immenso patrimonio di beni culturali paesaggistici, sprechi l’80 % dei finanziamenti che arrivano dall’Europa». Vecchia storia questa del mancato utilizzo dei fondi comunitari. L’eurodeputato esce dal generico e porta
ad esempio le potenzialità inespresse della zona che questa sera va a visitare. Affermando: «Tutta la zona del vibonese è ricchissima di storia e può contare su straordinarie risorse naturali, il parco delle serre, un'economia boschiva basata su funghi, fragole, prodotti dell'altipiano - e che è utilizzata solo al 50 % della sua capacità - il patrimonio artistico con i suoi monumenti, come l'incantevole Certosa di San Bruno. Penso anche al Polo siderurgico di Mongiana, uno dei più grandi stabilimenti del Sud Italia, straordina-
rio simbolo di archeologia industriale. Sono soltanto alcuni esempi di quello che si potrebbe fare ideando, in questa zona, come in altre della Calabria, progetti europei validi». Temi triti e ritriti che fanno dire ad Arlacchi:
«Parlando con i sindaci e con gli amministratori locali, ho capito che spesso è proprio la burocrazia a scoraggiare le loro proposte. Il dramma è il collo di bottiglia della Regione che dissipa e disperde gran parte dei fondi e questi, una volta non utilizzati, per mancanza di programmazione o per scadenze non rispettate, tornano indietro a Bruxelles e vengono spesi da altri Paesi. E i cittadini questo non possono tollerarlo». Ma la conversazione non si può chiudere senza una proposta che – per l’esponente del Pd - «è quella di togliere la gestione dei fondi europei alle regioni italiane, lasciando loro solo progetti di interesse regionali e grandi progetti, e fare in mo-
do che la maggior parte delle risorse europee venga gestita dai comuni o dalle associazioni di comuni con un rapporto diretto con la Commissione europea». Una proposta che farà discute. re

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 330 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info