Home » In the Press » Articles »

Il mio primo giorno di scuola a Strasburgo

E-mail Print PDF

PRIME IMPRESSIONI SUL PARLAMENTO EUROPEO

di Pino Arlacchi,  17 lug.2009

Ho ritardato un po’ nel riportare ai frequentatori di questo sito le mie prime impressioni sul Parlamento europeo. Ma volevo avere un po’ di materiale a disposizione per parlarne, e non limitarmi al colore e alle sensazioni del primo impatto. La mia personale prospettiva, inoltre, è distante da quella di quasi tutti i miei colleghi, i quali provengono da percorsi nazionali e sono alla loro prima esperienza di un consesso multilaterale.

Per me l’ingresso a Bruxelles-Strasburgo è stato un rientro nell’ambiente internazionale dopo l’intensa esperienza ai vertici dell’ONU. Come mi è sembrato il contesto? Ad essere sincero l’impressione che ha dominato sulle altre è stata quella di essere entrato in un qualcosa di “piccolo”, limitato, angusto. Le architetture, gli spazi, i gruppi politici, la gente, i discorsi, le conversazioni, tutto mi è sembrato più modesto, low-key, più omogeneo e privo di sorprese rispetto alla grandiosità, diversità ed universalità delle Nazioni Unite. «Mi sembra di essere entrato nel Consiglio regionale della Lombardia» ho scherzato con i miei colleghi la sera del giorno dell’insediamento a Strasburgo.

Il Parlamento europeo, dopotutto, è una organizzazione internazionale di soli 27 paesi, guidati da una decina di nazioni molto simili tra loro perché prospere, stabili e democratiche. E’un posto di benestanti, di quelli che ce l’hanno fatta. L’ONU è un’associazione di 192 paesi: la totalità delle nazioni del mondo eccetto il Vaticano. Un posto dove tutto il bene e tutto il male del mondo siedono fianco a fianco, e non è possibile ignorarli. Tutti i grandi problemi, i tormenti del pianeta, sono lì. La loro presenza è pervasiva, ossessionante, e non c’è burocrazia, formalismo diplomatico ed ipocrisia che siano in grado di nasconderli.

La povertà, la violenza, la fame, le malattie e le ingiustizie sono dentro il sistema delle Nazioni Unite, e non c’è modo di ignorarle. Nel Parlamento europeo sono largamente assenti, anche se le forze della solidarietà e della pace sono alquanto attive nel suo seno. Il Parlamento discute molto di diritti umani e di democrazia negata, ma l’approccio ONU è molto più ampio. Non vengono presi in considerazione solo i diritti politici ma anche quelli economici e sociali. E si parla molto di pace, di disarmo e di guerre, cioè delle violazioni massime dei diritti dell’uomo.

Il lavoro, l’afflato delle Nazioni Unite raggiungono ogni angolo del pianeta. Solo gli Stati Uniti hanno un respiro globale paragonabile. Ma gli USA sono una potenza imperiale, mentre nell’ONU l’impegno a costruire un mondo più decente negli ultimi tempi ha preso il sopravvento su ogni altro tema, e l’organizzazione è meno “politica” di un tempo. Il Parlamento europeo è ipersensibile ai temi della promozione della democrazia e dei diritti politici dei singoli individui, “sente” sempre di più i temi dell’ambiente, dell’energia e dello sviluppo sostenibile, ma non è un’organizzazione globale. E’ ancora ben lontano dal sentire la responsabilità di proteggere il pianeta dalle guerre, dai disastri naturali e dalle mega-violenze. Si occupa ancora poco di disarmo, non proliferazione, rifugiati, riduzione della povertà e dei conflitti, lotta alle malattie, alle droghe, alla criminalità e alla corruzione. Oppure se ne occupa, ma nel ristretto ambito dei territori confinanti o di prossima accessione all' Unione. I Balcani, il Caucaso, l’Ucraina, la Moldova e simili ricevono più attenzione di interi continenti come l’Africa o l’America Latina. Non è difficile comprenderne la ragione. Il Parlamento un’espressione dello spirito europeo del dopoguerra, uno spirito pacifico, civile, ma non globalista, che guarda entro se stesso ed è riluttante ad assumersi compiti di governo e di intervento universale.

La mia idea iniziale di occuparmi, nel Parlamento europeo, di disarmo, di abolizione delle armi nucleari, di sviluppo della legalità internazionale e di democrazia parlamentare universale (il Parlamento Globale del quale parlo alla fine del mio ultimo libro) si è rivelata perciò giusta. Ma sarà dura.

E’ iniziata così un’altra sfida. Combattiamola assieme.


 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 217 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info